Update privacy choices
Notizie

Carlo Calenda era il piccolo protagonista di “Cuore”

MTT
Yahoo Notizie
Carlo Calenda è nato a Roma il 9 aprile 1973 ed è figlio del giornalista e scrittore Fabio Calenda e della regista Cristina Comencini.

Oggi è possibile leader del Partito Democratico del dopo Renzi, il Ministro tecnico che potrebbe fare il salto e impegnarsi per far rinascere la sinistra dopo il pesante ko elettorale del 4 marzo. Ma Carlo Calenda ha un passato molto particolare, a partire dai suoi genitori.

Carlo Calenda è nato a Roma il 9 aprile 1973 ed è figlio del giornalista e scrittore Fabio Calenda e della regista Cristina Comencini. Insomma, una famiglia ‘creativa’, con il nonno che è il famoso regista Luigi Comencini. Crescendo, Carlo Calenda si laurea in giurisprudenza alla Sapienza – Università di Roma e la sua carriera si lega fin da giovane a Luca Cordero di Montezemolo, con Calenda che nel 1998 entra alla Ferrari sotto la presidenza, appunto, di Luca Cordero di Montezemolo.

Anche la sua carriera politica inizia sotto l’ala del dirigente legato alla famiglia Agnelli, con Calenda che diventa coordinatore politico dell’associazione Italia Futura, fondata appunto da Luca Cordero di Montezemolo, e nel 2013 è candidato alle elezioni politiche nella lista di Scelta Civica nella circoscrizione Lazio 1 della Camera, ma non viene eletto. Il 2 maggio 2013 viene nominato Vice ministro dello Sviluppo Economico nel Governo Letta, e viene confermato in tale incarico nel Governo Renzi, con delega al commercio estero. Il 10 maggio 2016 torna al Ministero dello sviluppo economico come Ministro, subentrando all’interim che Matteo Renzi aveva assunto a seguito delle dimissioni di Federica Guidi. È stato poi riconfermato nello stesso incarico nel Governo Gentiloni.

Ma questo è l’oggi, ma da piccolo Carlo Calenda ha anche un passato d’attore. Merito – o colpa – della famiglia, ovviamente. Nel 1983, infatti, all’età di dieci anni lavora nello sceneggiato televisivo Cuore diretto dal nonno Luigi Comencini, dove interpreta lo scolaro protagonista Enrico Bottini, nell’unico suo ruolo come attore bambino.

Reazioni

Cosa leggere in seguito