Update privacy choices
Notizie

Poco solidale con Rohingya: Usa revocano premio ad Aung San Suu Kyi

Red
Askanews

Washington, 8 mar. (askanews) - Il Museo dell'Olocausto di Washington ha revocato alla leader birmana Aung San Suu Kyi un premio che le era stato attribuito per la battaglia contro la dittatura e in favore delle libertà, a causa del suo mancato intervento nella crisi dei Rohingya.

Circa 700mila musulmani rohingya che vivono nell'ovest della Birmania si sono rifugiati nel vicino Bangladesh da fine agosto 2017 per sfuggire a un'operazione militare, bollata dalle Nazioni Unite come campagna di "epurazione etnica".

"Abbiamo sperato che voi - in qualità di persona riconosciuta per il vostro impegno in favore della dignità umana e dei diritti dell'uomo universali - faceste qualunque cosa per condannare e fermare la brutale campagna militare ed esprimere la vostra solidarietà alla popolazione rohingya", ha spiegato il Museo in un comunicato.

Ma "la Lega nazionale per la democrazia, sotto la vostra direzione, si è invece rifiutata di collaborare con gli inquirenti delle Nazioni Unite e ha diffuso una retorica di odio nei confronti della comunità rohingya", ha aggiunto il Museo alludendo al partito politico di Aung San Suu Kyi.

(fonte AFP)

Reazioni

Cosa leggere in seguito