Anac, Cantone: concessionari si comportano come proprietari

Red/Nes

Roma, 29 ott. (askanews) - "C'è una situazione nel Paese alquanto drammatica, quando si danno dei tempi per dei lavori sono sempre tempi indicativi. Come cittadini, paghiamo noi le conseguenze die disagi. Vedo che qui bisognerebbe sempre utilizzare il consenso, ma dal momento in cui abbiamo scelto di consegnare alcune attività ai privati, è evidente che qualcuno si muova con logiche privatiste, quindi è fondamentale cui siano degli organi destinati al controllo. Esattamente come la questione Tangenziale (Napoli,ndr)". Così il presidente dell'Anac Raffaele Cantone a Radio Crc.

"I concessionari nel nostro Paese - ha aggiunto il presidente dell'Anticorruzione - si comportano da proprietari più dei proprietari stessi, e non c'è nessuno che li controlla. Tutto ciò che accade è il frutto di una crisi della politica. Esistono degli strumenti per verificare se ci siano, all'interno dei cantieri, delle estorsioni, non diamo sempre la colpa alle istituzioni. In questo Paese nessuno crede davvero ai tempi che vengono dati, infatti quando vengono rispettati fanno notizia. La società civile si lamenta delle istituzioni carenti, ma loro dove sono? Non mi risulta che mai qualcuno si sia costituito parte civile. Il tema degli appalti viene sempre affrontato con logiche emergenziali. Quella dei cantieri è una delle leggi peggior fatte all'interno dello Stato. Si giocano le vicende delle risorse pubbliche e, al di là dei disservizi, - conclude Cantone - quanto ha pagato una città come Napoli, sul piano dell'immagine, nei mesi in cui Via Marina era in quelle condizioni?".