Anarchici, gip Roma: disinvoltura nel compiere atti terrorismo

Nav

Roma, 12 giu. (askanews) - "La disinvoltura con cui agiscono gli indagati Daniele Cortelli, Claudio Zaccone, Roberto Cropo, Flavia Di Giannantonio, Nico Aurigemma e Francesca Cerrone si evince dalla facilit con cui coordinano gli atti con finalit di terrorismo creando una fitta rete di forza anche giovanile su cui contare per gli attacchi di 'punta'". Cos il gip del tribunale di Roma, Anna Maria Gavoni, scrive in un passo dell'ordinanza di custodia cautelare eseguita oggi dai carabinieri del Ros riguardo un gruppo anarchico che ha compiuto una serie di attentati incendiari e con pacchi bomba nella Capitale, a partire da una azione compiuta contro una stazione dell'Arma nel quartiere San Giovanni nel dicembre 2017.

Riguardo le esigenze cautelari il giudice sottolinea che "essendo i fatti stati commessi in periodo temporale assai recente, coinvolgendo diverse citt del Paese, circostanza questa che rafforza anche la necessit di contenimento. Di particolare significato l'evoluiione della associazione e la capacit insita 'per natura di rigenerarsi con nuove modalit e nuovi ruoli. In tal senso, si richiama anche la genesi della associazione che ci occupa, nuova associazione derivante dalla ideologia gi accertata quale eversiva facente capo a Alfredo Cospito". (Segue)