Anche Disney e Walmart impongono ai dipendenti l'obbligo di vaccino

·3 minuto per la lettura

AGI - Dopo Google, Facebook e Netflix, si aggiungono Disney e Walmart alla crescente lista di aziende che richiedono ai dipendenti di vaccinarsi contro il Covid-19.

Disney ha dato a tutti i dipendenti e ai salariati a ore non aderenti ai sindacati 60 giorni per completare il protocollo sanitario. Chi sta lavorando da remoto, dovrà presentare una certificazione vaccinale prima di tornare a lavorare in sede. "I vaccini sono il miglior strumento che abbiamo per aiutare a controllare questa pandemia globale e proteggere i nostri dipendenti", si legge in una nota della compagnia. La misura vale per il personale statunitense ma è in corso di sviluppo un protocollo per i dipendenti all'estero.

Il presidente e amministratore delegato di Walmart, Doug McMillion, ha comunicato che tutto il personale amministrativo della sede centrale e delle sedi regionali dell'azienda dovrà essere vaccinatoentro il 4 ottobre. "Riteniamo di avere un ruolo importante da giocare e riteniamo che richiedere la vaccinazione ai nostri dirigenti sia cruciale per portare questa pandemia a un termine", ha annunciato McMillion, "diamo l'esempio". Il personale dei supermercati nelle aree più colpite sarà invece soggetto all'obbligo di mascherina. Il colosso della grande distribuzione Usa è l'azienda americana che conta più dipendenti. 

Le Big Tech divise

Facebook, Google e Netflix si', Microsoft e Amazon no. In attesa che il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, presenti il piano per la vaccinazione di milioni di lavoratori federali, le Big Tech americane si dividono. Alcuni tra i colossi della Silicon Valley hanno comunicato ai propri dipendenti l'obbligo di essere vaccinati, in vista del ritorno in ufficio a pieno regime dopo un anno e mezzo di lockdown, altri hanno dato libertà di scelta.

Mercoledì Facebook, Google-Alphabet e Netflix avevanoufficializzato la loro scelta a favore dell'obbligo di vaccino, dopo che già a giugno compagnie come Adobe, VMware, Twilio e Asana avevano chiesto al personale di sottoporsi alla terapia di immunizzazione. Per tutte le aziende il protocollo più rigido si applicherà, al momento, solo alle sedi americane.

Facebook ha fissato anche due date per la ripresa delle attività: si prevede per settembre il ritorno in ufficio al 50 per cento della capienza, che dovrà salire al 100 per cento entro ottobre. In un post il Ceo di Google, Sundar Pichai, ha spiegato che l'obbligo di vaccino si applicherà agli uffici americani ma non esclude che possa estendersi ad altri Paesi. "Vaccinarsi - ha scritto - è uno dei modi più importanti per mettere al sicuro tutti noi e le nostre comunità".

Per Netflix l'obbligo di vaccino riguarderà solo le produzioni americane, attori e personale della produzione che lavorano nella "Zona A", cioe' quella del set. Amazon, i cui uffici e stabilimenti sono già aperti, non ha richiesto il vaccino, ma ha autorizzato gli impiegati a lavorare da casa due giorni alla settimana.

Nessun obbligo per Microsoft e Uber, l'app di trasporti e consegne, il cui quartier generale dovrebbe riaprire a metà settembre con tutto il personale regolarmente al lavoro. La "cugina" Lyft, invece, richiede il vaccino per i dipendenti ma non per chi guida. Twitter ha scelto una linea di mezzo: chi tornerà in ufficio dovrà mostrare la prova di essere vaccinato ma, se è contrario, potrà continuare a lavorare in remoto, seduto sul divano di casa. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli