Anche in Italia al via Scioperi per clima, a Roma il corteo clou

Sav

Roma, 20 set. (askanews) - Anche in Italia cresce il fermento in vista degli Scioperi globali per il clima di questi giorni promossi tra i giovani dall'attivista svedese Greta Thunberg.

Supportata da un massiccio tam-tam su Internet, con numerosi gruppi sui principali social, la "Climate Action Week", la settimana d'azione per il clima, inizia oggi e culminerà con lo sciopero globale di venerdì prossimo, 27 settembre: "In milioni - dicono gli organizzatori di Fridays For Future Italia - usciremo dalle nostre case e dai nostri posti di lavoro per unirci ai giovani in marcia nelle strade per il Climate Strike. Chiederemo la fine dell'era dei combustibili fossili, e di intraprendere azioni urgenti allo scopo di sconguirare il collasso climatico. La crisi climatica è un'emergenza. Dobbiamo agire di conseguenza e mostrare ai politici quante persone, in tutto il mondo, non hanno più intenzione di stare a guardare".

In Italia la manifestazione più grande si volgerà a Roma, con un corteo di studenti che partirà da Piazza della Repubblica alle 9.30 per raggiungere Piazza della Madonna di Loreto, dove si terrà un sit-in fino alle 14.30.

Ma a oggi sono circa 130 gli eventi già organizzati, da Nord a Sud: cortei, manifestazioni, sit-in e flash-mob sono previsti a Milano (dalle 9.30 da Largo Cairoli), Napoli (dalle 9 da Piazza Garibaldi), Torino (dalle 9.30 da Piazza Statuto), Palermo (dalle 9 in Piazza Verdi), Firenze (dalle 9 in Piazza di Santa Maria Novella), Bologna (dalle 9.30 in Piazza San Francesco) e in decine e decine di altre città.

Per tutta questa settimana si terranno giornalmente eventi di sensibilizzazione sull'emergenza climatica (pulizia della città, flash-mob e vari eventi culturali) per garantire che il tema della crisi climatica possa giungere in cima all'agenda politica e sociale.

"Sarà il più grande sciopero climatico mai realizzato nel nostro paese", assicurano gli organizzatori: "Oltre ai bambini, ragazzi, studenti e genitori si uniranno tanti lavoratori anche grazie agli scioperi indetti da alcune sigle sindacali".