Anche lo sport diventa ecosostenibile: windsurf, canoa e non solo

·5 minuto per la lettura
Photo credit: stockstudioX - Getty Images
Photo credit: stockstudioX - Getty Images

Negli ultimi tempi, la tendenza a fare attenzione all’ecologia in tutti gli aspetti delle nostre vite sta prendendo sempre più piede. E la cosa ci piace molto. Anche nel mondo dello sport, sta diventando importante scegliere un'attività sia a contatto con la natura, e che sia ecosostenibile soprattutto per quanto riguarda i materiali e le attrezzature usati.

Fare sport a contatto con la natura

Photo credit: piola666 - Getty Images
Photo credit: piola666 - Getty Images

Stare nel verde e nella natura in generale fa bene al corpo e alla mente. È per questo che sempre più persone si avvicinano agli sport outdoor, praticati all’aperto, in ambienti verdeggianti, o nei pressi degli specchi d’acqua. Un primo effetto benefico degli sport all’aperto è dato dall’esposizione alla luce del sole. Stare sotto i raggi solari, infatti, ci permette di produrre una delle vitamine essenziali per avere un corpo in salute, la vitamina D. Mi raccomando, però, non dimenticare mai la crema solare, per prevenire invecchiamento e malattie della pelle. Il contatto con la natura e i grandi spazi aperti ci permette anche di respirare a pieni polmoni e ossigenare meglio sia il nostro apparato respiratorio, che i nostri muscoli, che saranno così più reattivi e resistenti alla fatica. La nostra mente sarà decisamente felice se scegliamo di stare nel verde; un fatto dimostrato da molte ricerche, che affermano che questo colore aiuta a ridurre lo stress. Anche le endorfine rilasciate dopo l’attività fisica saranno maggiori se ci troviamo nella natura. Insomma, non c’è alcuna controindicazione, anzi, solo e soltanto benefici!

Quali sono i migliori sport da praticare nella natura

Gli sport outdoor sono tantissimi, e molti si possono praticare con un’attrezzatura davvero minima. Inoltre, molti sport che si praticano al chiuso possono essere praticati anche in spazi aperti e verdi. Prendi un tappetino e metti i tuoi leggings preferiti per praticare yoga al parco, o anche sulla spiaggia. Allo stesso modo, la corsa è forse lo sport più sostenibile che ci sia: un paio di buone scarpe e si può correre ovunque, ancora meglio se tra gli alberi, in sentieri pianeggianti, che attutiscono il passo molto meglio dell’asfalto. Se l’idea ti piace, l’orienteering potrebbe fare al caso tuo. Se vuoi sfidare di più le tue capacità puoi provare il trekking, l’alpinismo o addirittura l’arrampicata libera: sport di montagna a bassissimo impatto ambientale. Se ami l’acqua, invece, prova il windsurf o la canoa, top da provare d’estate in vacanza.

Orienteering: bosco, bussola e mappa

Photo credit: Dusan Ilic - Getty Images
Photo credit: Dusan Ilic - Getty Images

L’orienteering, detto anche corsa di orientamento, è un sport scandinavo, praticato in ambienti naturali. È nato nei boschi, ma è un’attività adatta a tutti i percorsi nella natura. Se sei un’atleta puoi decidere di cimentarti nel vero e proprio sport, che vede la corsa come modalità di spostamento, altrimenti puoi anche camminare. Lo scopo è quello di orientarsi in una zona predefinita raggiungendo varie tappe, con l’uso di mappa e bussola, unici strumenti necessari. Questo lo rende ecosostenibile, visto che la bussola è un oggetto resistente e praticamente perenne, e che la mappa è realizzata in carta, uno dei pochi materiali completamente riciclabili. La necessità di solo due accessori, rende questo sport sostenibile anche per le tue tasche: le spese infatti saranno minime.

Sport ecologici: il trekking è top

Nulla da la sensazione di essere nella natura incontaminata come seguire un percorso di trekking tra i boschi. Lo sport è adatto a tutti, visto che si possono scegliere sentieri più o meno difficili e con tempi di percorrenza più o meno lunghi, ed è anche perfettamente sostenibile per quanto riguarda l’equipaggiamento. L’unica prerogativa sono le scarpe adatte. Ti serviranno infatti delle scarpe o scarponcini con una suola resistente e adatta ai terreni più scivolosi. Una volta che le avrai ai piedi, però, non ti servirà altro per queste camminate immerse nei paesaggi di montagna. Lungo i percorsi è spesso possibile trovare fonti di acqua, generalmente potabili e freschissime, in questo modo dovrai solo portare la tua borraccia riutilizzabile e non dovrai nemmeno comprare inutili bottigliette di plastica per dissetarti. Attenzione però a non lasciare rifiuti in giro, sarebbe un peccato inquinare questi bellissimi luoghi, dove però è difficile trovare cestini dei rifiuti. Porta con te un sacchetto, e una volta in città potrai anche fare la raccolta differenziata, come a casa.

Windsurf, anche per i principianti

Photo credit: visionandimagination.com - Getty Images
Photo credit: visionandimagination.com - Getty Images

Il windsurf è quello sport che ti mette a contatto con l’ambiente della spiaggia e del mare in modo totale. Dorai diventare un tutt’uno con le onde e con il vento, capire i loro movimenti in modo da destreggiarti e rimanere sulla tavola a goderti la giostra dell’acqua. In questo sport l’attrezzatura giusta è necessaria, ma l’onda green ha portato a sperimentare nuovi materiali per la costruzione delle tavole, come per esempio la canapa, o particolari collanti biologici. Anche le vele possono essere elemento eco, esistono infatti aziende che producono vele da windsurf in plastica riciclata. Come sempre, in ogni caso, parte fondamentale di una mente ecologica è quella di evitare gli sprechi: una volta che avrai scelto la tua tavola e la tua vela conservale bene e fai si che ti durino il più a lungo possibile.

Canoa, sport olimpico per tutti

Photo credit: Chris Tobin - Getty Images
Photo credit: Chris Tobin - Getty Images

Anche la canoa, più precisamente il kayaking, è uno sport a stretto contatto con la natura e che si può praticare in modo perfettamente rispettoso dell’ambiente. Nonostante sia un’attività che ha raggiunto anche le Olimpiadi, la canoa è adatta a tutti, poiché è un tipo di sport molto dolce, che non prevede grande forza o preparazione fisica. È perfetto per esplorare la costa marina, facendo attenzione a selezionare giornate in cui l’acqua è calma. A differenza delle altre imbarcazioni a motore, il kayak o canoa ci offre la possibilità di esplorare grotte o spiagge nascoste e far si che il nostro impatto ambientale risulti pari a zero. Per rendere la tua gita in canoa ancora più green, puoi noleggiare l’attrezzatura e non acquistare così oggetti che potrebbero risultare inutili. Una volta diventata un’appassionata, scegli bene dove comprare i tuoi attrezzi sportivi e informati per fare scelte più consapevoli nei confronti dell’ambiente. E ora, inizia l’esplorazione!

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli