Anche Londra esclude Altaforte

webinfo@adnkronos.com
di Sara Di Sciullo Dopo l'esclusione dalla casa editrice Altaforte dal Salone del Libro di Torino arriva un nuovo stop, stavolta Oltremanica, alla casa editrice e al libro intervista di Matteo Salvini, 'Io Sono Matteo Salvini' di Chiara Giannini. La presentazione del volume, prevista alla London Metropolitan University di Londra, oggi pomeriggio alle 18 ora italiana, è saltata un paio di ore prima dell'appuntamento: a denunciare l'accaduto all'Adnkronos è la stessa autrice e giornalista, Chiara Giannini.  "I ragazzi della Lega nel mondo e dell'associazione locale di ragazzi italiani 'The Vortex Londinium' avevano organizzato la presentazione del libro per oggi in una sala della London Metropolitan University di Londra alla presenza mia e dell'editore Francesco Polacchi - racconta Giannini - Sembrava tutto a posto fino a due ore fa, quando una manager dell'università è venuta a dirci che non possiamo presentare il libro perché sostiene che, in base al loro regolamento, non si può presentare un libro che può danneggiare il buon nome dell'università". Secondo quanto riferisce la giornalista, la decisione sarebbe stata presa dopo aver saputo che il libro "era stato censurato in Italia".  "Altaforte presenterà una richiesta di risarcimento danni - osserva Giannini - e mi accoderò a questa richiesta di risarcimento". "E' una cosa vergognosa ed è l'effetto della censura attuata dal Salone del Libro", afferma Giannini. "Ci censurano in Italia e passa il messaggio anche all'estero - conclude - è vergognoso che la presentazione del libro-intervista al ministro dell'Interno venga cancellata". "La casa editrice è in contrasto con la nostra politica antidiscriminazione". Così un portavoce della London Metropolitan University ha giustificato all'Adnkronos la cancellazione della presentazione.

di Sara Di Sciullo Dopo l'esclusione dalla casa editrice Altaforte dal Salone del Libro di Torino arriva un nuovo stop, stavolta Oltremanica, alla casa editrice e al libro intervista di Matteo Salvini, 'Io Sono Matteo Salvini' di Chiara Giannini. La presentazione del volume, prevista alla London Metropolitan University di Londra, oggi pomeriggio alle 18 ora italiana, è saltata un paio di ore prima dell'appuntamento: a denunciare l'accaduto all'Adnkronos è la stessa autrice e giornalista, Chiara Giannini.  

"I ragazzi della Lega nel mondo e dell'associazione locale di ragazzi italiani 'The Vortex Londinium' avevano organizzato la presentazione del libro per oggi in una sala della London Metropolitan University di Londra alla presenza mia e dell'editore Francesco Polacchi - racconta Giannini - Sembrava tutto a posto fino a due ore fa, quando una manager dell'università è venuta a dirci che non possiamo presentare il libro perché sostiene che, in base al loro regolamento, non si può presentare un libro che può danneggiare il buon nome dell'università". Secondo quanto riferisce la giornalista, la decisione sarebbe stata presa dopo aver saputo che il libro "era stato censurato in Italia".  

"Altaforte presenterà una richiesta di risarcimento danni - osserva Giannini - e mi accoderò a questa richiesta di risarcimento". "E' una cosa vergognosa ed è l'effetto della censura attuata dal Salone del Libro", afferma Giannini. "Ci censurano in Italia e passa il messaggio anche all'estero - conclude - è vergognoso che la presentazione del libro-intervista al ministro dell'Interno venga cancellata". 

"La casa editrice è in contrasto con la nostra politica antidiscriminazione". Così un portavoce della London Metropolitan University ha giustificato all'Adnkronos la cancellazione della presentazione.