Anche Patuelli contro il governo: "Banche non informate sulla riforma del Mes"

Angela Mauro
ROME, ITALY - OCTOBER 31: President of the Italian Banking Association (ABI) Antonio Patuelli participates in the 93rd Savings Day.on October 31, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Simona Granati - Corbis/Corbis via Getty Images)

“Non so niente, ho letto stamattina i giornali, leggo sull’Huffington post ma sono materie sulle quali il mondo bancario italiano non è stato messo al corrente”. Il presidente dell’Abi, Antonio Patuelli, scende dalle nuvole. Parlando con i giornalisti a Bruxelles, a margine di un incontro, Patuelli in sostanza si sfoga. E’ arrabbiato con il governo che, dice, non ha informato il sistema bancario della riforma del Meccanismo europeo di stabilità (Mes) sulla quale a giugno il premier Giuseppe Conte e anche l’allora ministro dell’Economia Giovanni Tria hanno dato l’ok a Bruxelles, a patto che si applichi una “logica a pacchetto”, cioè che sia accompagnata anche da altre riforme tra cui il rafforzamento dell’unione bancaria.

Non è una questione di piccola portata. Ma vitale nelle relazioni nella maggioranza di governo, visto che quell’ok alla riforma ha scatenato in questi giorni Matteo Salvini, il quale comunque a giugno era vicepremier e fa finta di non sapere, ma anche la parte pentastellata del governo. Il punto però è che quanto afferma Patuelli è vitale anche per le relazioni tra mondo bancario e Stato, nonché tra Roma e Bruxelles.

Cosa è stato concesso dal governo ai partner europei a giugno? Secondo chi critica la riforma – ed evidentemente Patuelli è tra questi – il testo restringe le condizioni degli Stati in crisi per l’accesso ai prestiti del Meccanismo europeo di stabilità (Mes), il fondo Salva-Stati che dal 2012 ha ‘salvato’ Grecia, Spagna e Cipro con cure ‘da cavallo’. In sostanza pone delle condizioni stringenti sulla riduzione del debito, aprendo al rischio di ristrutturazione.

In Italia il debito pubblico è detenuto per il 70 per cento dalle banche. Si capisce quindi l’allarme del presidente dell’Associazione Bancaria Italiana, se al consiglio europeo di dicembre il governo darà il suo ok finale alla riforma del Mes. A maggior ragione per il fatto che, dice Patuelli, l’Abi non è stata...

Continua a leggere su HuffPost