Anche a Roma è stata individuato un caso di peste suina in un cinghiale

Cinghiale
Cinghiale

A Roma è stato individuato un caso di peste suina, anche stavolta si tratta di un cinghiale. Questa terribile piaga fortunatamente non colpisce le persone ma può essere letale per i cinghiali.

Peste suina nei cinghiali a Roma

Inizialmente la peste suina africana si stava diffondendo solo tra la provincia di Genova e il sud del Piemonte. Angelo Ferrari, commissario straordinario per l’emergenza, ha dichiarato che nella zona del parco dell’Insugherata, a Roma, è stato scoperto il primo caso di peste suina in un cinghiale. Questa situazione non è comunque pericolosa per l’essere umano nè influisce sul consumo di carne.

L’intervento della Coldiretti

La Coldiretti, intervenuta sul caso, ha allertato anche le nostre istituzioni. È risaputo che Roma è letteralmente invasa dai cinghiali, sia nelle zone extra urbane che nelle zone residenziali A tal proposito Ettore Prandini, presidente della Coldiretti, ha dichiarato: “Siamo costretti ad affrontare una grave emergenza sanitaria. È mancata l’azione di prevenzione come abbiamo ripetutamente denunciato in piazza e nelle sedi istituzionali di fronte alla presenza in Italia di più di 2,3 milioni di esemplari, arrivati numerosi anche nella Capitale”.

Attenzione alle zone in cui si concentra la norcineria nazionale

Prandini non si limita a parlare solo della Capitale. Nel suo discorso mostra preoccupazioni anche per “l’immobilismo delle istituzioni dopo i casi individuati in Piemonte ed in Liguria con il rischio concreto che l’emergenza si allarghi ad altre regioni limitrofe“. Uno dei maggiori pericoli è che questa piaga possa espandersi fino a zone in cui “si concentra la norcineria nazionale che è un settore di punta dell’agroalimentare“. Oltre a dare lavoro a moltissime persone, questo settore ha un fatturato che ammonta almeno a 20 miliardi di euro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli