Anche Twitter va sul social media commerce

·1 minuto per la lettura

In un recente intervento virtuale a J.P. Morgan Global Technology, Media and Communications, il Chief Financial Officer di Twitter Ned Segal ha raccontato come l'e-commerce sia sempre più al centro degli interessi della società di social media: “Abbiamo imparato ad apprezzare il fatto che le persone facciano molte ricerche su Twitter prima di acquistare qualcosa”. Twitter si qualifica e definisce soprattutto per gli interventi puntuali e frequenti di grossi esperti che scrivono messaggi, recensiscono prodotti e interagiscono nei commenti. L'idea è che un utente, magari mentre guarda un evento live come il Super Bowl, possa attraverso Twitter analizzare e anche acquistare un prodotto in tempo reale: “Queste sono opportunità per noi per connettere gli inserzionisti con i loro clienti su Twitter”.

Twitter ha annunciato all'inizio di marzo che sta testando nuovi tipi di tweet che includono i pulsanti di accesso diretto ai negozi. Ma mancano ancora i dettagli di come potrebbero funzionare queste opzioni di e-commerce e sulla percentuale che Twitter prenderà da ogni vendita. L'obiettivo finale è senz'altro quello di porsi non in concorrenza ma come piattaforma di supporto agli inserzionisti, proprio come Facebook che ha lanciato Instagram Shop e Facebook Shop, vere e proprie vetrine digitali in cui i marchi possono vendere prodotti agli utenti in modo diretto. Snapchat, intanto, punta su opzioni di realtà aumentata per consentire ai suoi utenti di provare virtualmente i prodotti prima di acquistarli.

Uno spostamento di massa verso il social media commerce che punta a presidiare un mercato in continua espansione e trasformazione, attento e immediatamente suscettibile nei confronti delle innovazioni tecnologiche e dei social trend del momento.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli