Ancora neve e pioggia su gran parte dell’Italia

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 4 gen. (askanews) - Ancora neve e pioggia su gran parte dell'Italia, la Protezione civile ha segnalato allerta gialla in otto regioni.

"Nel contesto della vasta area depressionaria, a matrice fredda, che abbraccia gran parte dell'Europa, un nuovo impulso perturbato porterà, nella giornata di domani, la persistenza di nevicate al Nord, sino a quote di bassa collina, in estensione ai settori montuosi dell'Appennino centrale", ha spiegato il Dipartimento della Protezione civile, aggiungendo: "Inoltre, piogge e temporali si intensificheranno su Lazio e Campania, con venti sostenuti su tutte le regioni meridionali e su parte del Centro".

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione civile d'intesa con le regioni coinvolte - alle quali spetta l'attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati - ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quello diffuso ieri.

L'avviso prevede dalle prime ore di domani, martedì 5 gennaio, il persistere di nevicate su Piemonte, Lombardia sud-occidentale, entroterra ligure ed Emilia-Romagna occidentale, a quote mediamente superiori ai 200-500 metri, con apporti al suolo da deboli a moderati; si prevedono nevicate su Lazio, specie sui settori orientali, e su Toscana, Abruzzo, Molise a quote mediamente superiori ai 700-900 metri, localmente fino a 400-600 metri sulla Toscana, con apporti al suolo da deboli a moderati, fino a localmente abbondanti sull'Abruzzo; previste, inoltre, precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Lazio e Campania. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, martedì 5 gennaio, allerta gialla su Toscana, Umbria, Lazio, Molise, Campania e su gran parte di Emilia-Romagna, Abruzzo e Basilicata.