Ancora sangue in Myanmar, uccisi 17 manifestanti e un poliziotto

·2 minuto per la lettura

AGI - E' salito a 18 (17 manifestanti e un poliziotto) il numero delle persone uccise in Myanmar in una delle più sanguinose giornate di protesta contro il golpe del primo febbraio con cui la giunta militare che ha rovesciato il governo civile. Le forze di sicurezza hanno aperto il fuoco sui manifestanti a Hlaing Tharyar, una delle più grandi township della città, dove le autorità hanno imposto la legge marziale.

Una dottoressa dell'ospedale ha confermato che almeno "15 persone sono morte", i feriti curati "sono almeno 50" e "il bilancio delle vittime potrebbe essere più pesante. La tv di Stato, riferisce la Reuters, ha poi dato notizia di un poliziotto ucciso, mentre altri tre manifestanti sono stati uccisi nelle proteste in altre zone del Paese.

 L'inviato delle Nazioni Unite per il Myanmar ha fortemente condannato il continuo spargimento di sangue dopo che almeno 18 manifestanti sono stati uccisi in uno dei giorni più letali dal colpo di stato del 1 febbraio. "La comunità internazionale, compresi gli attori regionali, deve unirsi in solidarietà con il popolo di Myanmar e le sue aspirazioni democratiche", ha detto Christine Schraner Burgener in una nota.    

Ha affermato che l'esercito di Myanmar sta sfidando gli appelli internazionali alla moderazione, e aggiunto di aver sentito "racconti strazianti di uccisioni, maltrattamenti di manifestanti e torture di prigionieri" da contatti all'interno del paese del sud-est asiatico. "La brutalità in corso, anche contro il personale medico e la distruzione delle infrastrutture pubbliche, mina gravemente qualsiasi prospettiva di pace e stabilità", ha detto.

Intanto, la Giunta militare golpista in Myanmar ha imposto domenica sera la legge marziale in due zone della capitale Yangon in chiusura della più sanguinosa delle giornate di protesta dal 1 febbraio, giorno del colpo di stato. 

Gli scontri portano a circa cento il numero di persone uccise nelle proteste di massa da quando i militari hanno impedito l'insediamento di Aung San Suu Kyi, anche se gli attivisti e i gruppi per i diritti credono che potrebbe essere più alto. La giunta ha ripetutamente giustificato la sua presa di potere con l'accusa di brogli diffusi alle elezioni di novembre, che il partito della Lega Nazionale per la Democrazia (NLD) di Suu Kyi ha vinto con una valanga di voti.

I media statali hanno annunciato che l'enorme borgata Hlaing Tharyar di Yangon e la vicina borgata Shwepyitha saranno poste sotto la legge marziale. Le vaste e impoverite township sono conosciute come centri industriali e sede di fabbriche di abbigliamento. La giunta "dà il potere amministrativo e giudiziario della legge marziale al comandante regionale di Yangon per mantenere la sicurezza, lo stato di diritto e la tranquillità in modo più efficace", ha detto un annunciatore alla TV di stato.