Ancora sbarchi a Lampedusa, il sindaco invoca lo stato d'emergenza

Redazione
·1 minuto per la lettura

Non si arresta l'ondata di sbarchi a Lampedusa: altri 250 ne sono arrivati nelle ultime ore. Una situazione sempre più difficile che preoccupa il sindaco Totò Martello, il quale - interpellato dall'Italpress - chiede al Governo un intervento immediato. "Non capisco perché nel 2011, quando c'erano stati meno sbarchi di oggi, fu dichiarata l'emergenza, mentre oggi no - afferma il sindaco -. L'hotspot è pieno, dobbiamo aspettare la nave quarantena ma intanto e' necessario che il centro venga alleggerito".

Per il momento nella struttura di contrada Imbriacola sono ospitati 950 migranti, un numero dieci volte superiore rispetto a quanti ne potrebbe accogliere. Auguriamo che venga svuotato, e' strapieno, sta esplodendo".

VIDEO - Migranti: Lampedusa al collasso, nuovi sbarchi: "Il centro d'accoglienza va svuotato"

A condividere la necessità di richiedere lo stato d'emergenza il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci che rilancia le parole di Totò Martello. "Lampedusa sta di nuovo scoppiando. Al nostro grido d'allarme si aggiunge oggi quello del sindaco. Mi spiace che in una lunga intervista al Corriere il ministro non abbia neppure pronunciato la parola Lampedusa. Eppure è luogo-simbolo in Europa e nel mondo".

"Quanto ancora - si interroga Musumeci - si deve attendere per la proclamazione dello 'stato di emergenza' su quell'Isola da parte del governo centrale, richiesto da oltre un mese dal Comune e dalla Regione?".

VIDEO - Il caso Gregoretti dalla A alla Z