Andrea Appino ad HuffPost: "I 'disadattati' mi hanno salvato dal bullismo"

Luca Piras

Vent’anni di carriera, più di mille concerti in tutta Italia e un libro fresco di stampa che non poteva che intitolarsi Andate tutti affanculo (come l’omonimo album, del 2009, inserito tra i 100 migliori dischi italiani secondo Rolling Stone). Questi sono i The Zen Circus, una band che non si risparmia dentro e fuori dal palco con una generosità e una sensibilità che superano qualsiasi stereotipo da rock star. Abbiamo sentito Andrea Appino, voce della band, che dopo un brillante “ciao! siamo a Torino e qua c’è un sole splendido” inizia a raccontare come, insieme a Ufo, Karim Qqru e lo scrittore Marco Amerighi, è stata composta questa anti-biografia. Ed ecco che abbiamo tra le mani un romanzo, edito da Mondadori, da leggere tutto d’un fiato come se si stesse ascoltando un bellissimo assolo di chitarra.

Come nasce l’idea di scrivere un libro sulla vostra storia che fin da subito avete definito anti-biografico?

“Abbiamo deciso di fare un romanzo pensando agli aneddoti che raccontiamo ai nostri amici. Parla di eventi che sono successi fino al 2009, l’anno di uscita del disco Andate tutti affanculo. È la nostra storia ma, invece di fare una biografia, abbiamo chiesto allo scrittore Marco Amerighi di farne un romanzo. Non è la biografia di una band ma di un periodo storico. Abbiamo cambiato la linea temporale di alcuni eventi e unito tutti i punti della storia in modo narrativo anche per permette a chi non conosce gli Zen Circus di leggere il libro”.

Il romanzo inizia proprio dal personaggio di Andrea, cioè il tuo, che è vittima di bullismo. Che sensazioni hai quando pensi a quel periodo della tua infanzia?

“Ci penso con grande dolcezza a quegli anni perché sono stati di formazione. Il romanzo inizia nel momento in cui sto finendo di essere vittima di bullismo. Ho vissuto anche anni più difficili prima. Poi mi ha cambiato la vita la musica e conoscere persone come me, che pensavo non esistessero. C’è un posto, il ‘Macchia Nera’ (un...

Continua a leggere su HuffPost