Andrea Camilleri, funerali privati per il padre di Montalbano

andrea camilleri

L’Asl di Roma ha riferito in una nota la scomparsa dello scrittore Andrea Camilleri. Il padre del Commissario Montalbano aveva 93 anni ed era in gravi condizioni da un mese. Infatti, il 17 giugno scorso era stato ricoverato per un arresto cardiaco. Invece, la mattina di mercoledì 17 luglio intorno alle 8.20 è morto. “Le condizioni sempre critiche di questi giorni si sono aggravate nelle ultime ore compromettendo le funzioni vitali – hanno ripotato i medici della Asl 1 di Roma -. Per volontà del Maestro e della famiglia le esequie saranno riservate. Verrà reso noto dove portare un ultimo omaggio”. Vediamo dove e quando saranno i funerali di Andrea Camilleri.

I funerali di Andrea Camilleri

Andrea Camilleri è rimasto lucido per anni e ha scritto un pezzo di storia in Italia: grazie alla figura del Commissario Montalbano è diventato famoso in tutto il mondo. Purtroppo, però, negli ultimi mesi era stato colpito da un arresto cardiaco che lo aveva portato nel reparto di rianimazione dell’ospedale Santo Spirito di Roma. Da quel 17 giugno è sempre rimasto nel letto dell’ospedale e non ha più ripreso conoscenza. Camilleri ha vissuto per un mese “con supporto respiratorio meccanico e supporto farmacologico”, fino a quando è morto alle 8.20 di mercoledì mattina. I funerali, come riferito in una nota dell’Asl 1 di Roma, avverranno in forma privata: la data precisa verrà fissata nei prossimi giorni. Alcune indiscrezioni ipotizzano le esequie già per il prossimo lunedì.

L’idea della morte

In una vecchia intervista, lo scrittore aveva confessato di non temere la morte: “Con la morte ci rispettiamo, nella vita c’è anche la morte, accoglierla come un atto dovuto è saggezza. Non ho rimpianti, ho avuto una vita fortunata, ho fatto quello che volevo, sono felice di avere pronipoti e felice di aver vissuto”.