Andreuzza (Lega): da Franceschini solita retorica su turismo

Pol-Afe

Roma, 23 giu. (askanews) - "Oggi in X Commissione dal ministro Franceschini abbiamo sentito la solita retorica sul turismo, di quanto siamo 'belli e bravi' con solite frasi 'faremo...faremo'. arrivato il momento di essere pragmatici e che il governo dia segnali chiari sul turismo mettendo subito in campo misure importanti e coraggiose e il tempo condizione fondamentale. Ora pi che mai servono due tipologie di azioni: quelle necessarie affinch le imprese del turismo siano aperte e attive e le misure per accogliere nel nostro Paese i turisti con serenit e sicurezza. ora che il governo accolga le nostre misure, purtroppo bocciate in precedenza, che prevedono liquidit immediata e di rendere sostenibile il costo del lavoro per la parte contributiva, per passare dalle casse integrazione e sussidi temporanei alle agevolazioni per le assunzioni. Anche oggi ho insistito con Franceschini: maggiore chiarezza per l'applicazione della proroga di 15 anni della Bolkestein balneari e la questione pertinenziali; maggiore attenzione per agenzie di viaggio, tour operator, trasporti turistici che sono condizionati al viaggio e alla vacanza; precise misure per settore congressuale e degli eventi; rivalutazione dei parametri per accedere a contributi a fondo perduto che non tengono conto del peso dei costi che devono sostenere le aziende; l'importanza di far accedere all'ecobonus o altri incentivi per il miglioramento delle strutture ricettive. Il ministro, in sinergia con le Regioni, elabori subito un piano di comunicazione efficace e delle azioni concrete in grado di attrarre i turisti europei e internazionali tenendo conto che i nostri competitor, a differenza nostra, non stanno perdendo tempo, anzi tendono a osteggiare i flussi verso l'Italia mentre da noi, a causa dei suoi colleghi di maggioranza, il turismo messo in ginocchio". Cos la deputata veneziana della Lega Giorgia Andreuzza, capogruppo in Commissione Attivit Produttive e Turismo alla Camera intervenuta oggi in Commissione alla presenza del ministro Dario Franceschini.