Angela Merkel come non l'avete mai vista: protagonista inconsapevole di "Uniform"

Giuseppe Fantasia

Dall’omologazione fino alla realtà individuale le uniformi comunicano sempre informazioni di rango, di posizione, di appartenenza e di autorevolezza combinando qualità funzionali e formali. Da un lato pareggiano le persone indipendentemente dal censo; dall’altro diventano nel tempo un riferimento per la moda e la produzione di massa dell’abbigliamento. “La moda che psicologicamente rispecchia la vita quotidiana, le abitudini e il gusto estetico – scrive in un saggio del 1923 Varvara Stepanova – cede il passo a un abbigliamento concepito per agire in svariati ambiti professionali e svolgere una determinata azione sociale”. Si tratta, dunque, di un abbigliamento che esplica il proprio valore solo ed esclusivamente nell’ambito del processo lavorativo stesso e al di fuori della vita reale non possiede alcuno scopo, come se fosse una forma particolare di opera d’arte. “Per lei – ci fa notare Urs Stahel - il materiale, la fattura e la funzionalità contano più dell’aspetto dell’estetica” e di questo ve ne renderete conto di persona visitando la mostra “Uniform into the work/out of the work” da lui curata alla Fondazione MAST di Bologna. Il nuovo progetto espositivo ospitato fino al 3 maggio prossimo nella rinomata istituzione bolognese basata sulla Tecnologia, l’Arte e l’Innovazione, è dedicato proprio alle uniformi da lavoro indossate dai lavoratori in contesti storici, sociali e professionali differenti da grandi fotografi internazionali in più di seicento scatti.

 

IRVING PENN Macellai / Les Garçons bouchers 1950 Irving Penn | Les Garçons Bouchers, Paris, 1950 | © Condé Nast

 

 

Si tratta di un percorso a suo modo speciale che va dall’abbigliamento da lavoro all’uniforme, dove quest’ultima parola – almeno in italiano – viene usata spesso senza fare alcuna distinzione con la parola “divisa”, confondendole. In realtà, se l’uniforme mette in rilievo l’aspetto unificante, la divisa da’ invece evidenza a una dimensione divisiva, dimostrando che si tratta di due termini che rivelano inclusione ed esclusione come due...

Continua a leggere su HuffPost