Angela Merkel finanziatrice di Carola Rackete: le rivelazioni

Angela Merkel finanziatrice di Carola Rackete: le rivelazioni

Spunta una nuova versione della vicenda Sea Watch 3. Il quotidiano Libero proprio questa mattina ha pubblicato una nuova lettura degli avvenimenti che hanno recentemente coinvolto il nostro paese. La vicenda Carola Rackete, riporta il giornale, potrebbe essere stata architettata dalla politica della cancelliera tedesca Angela Merkel e dalla rete televisiva pubblica Ard.

Carola Rackete e i rapporti con Angela Merkel

A ricostruire i fatti è il The Guardian che mette in luce le responsabilità del governo tedesco e della Tv pubblica nel caso Sea Watch. Il giornale britannico si limita a riportare le parole che Hans-Georg Massen ha condiviso sulla piattaforma Twitter.

Massen, a capo dei servizi segreti tedeschi fino alla sua rimozione un anno fa, ha condiviso un articolo del giornale di controinformazione Journalistenwatch da sempre contrario alle politiche della cancelliera. Lo scritto sostiene il coinvolgimento di Angela Merkel e della Tv tedesca come finanziatori della Sea Watch 3. Il tentativo potrebbe essere quello di mettere alle strette il ministro degli interni Matteo Salvini.

“Se questo articolo fosse vero vorrebbe dire che la tv di Stato tedesca è censurata come ai tempi della Germania comunista dell’Est”, scrive Massen. Dopo alcuni minuti dalla pubblicazione il post è stato prontamente rimosso dall’ex capo dei servizi segreti. Dietro al profilo dell’uomo, però, non si cela nessun altro che lui. Il messaggio postato da Massen, in particolare per i rapporti che l’uomo ha avuto con lo stato tedesco, aprono una serie di sospetti. Se ciò che il giornale riporta avesse anche solo un fondo di verità questo incrinerebbe ancora di più quel sottile filo di rapporti che lega Germania e Italia e i loro rappresentanti.