Angelina sul red carpet con Shiloh. Ha scelto di essere John e veste sempre in abiti maschili

HuffPost

“Io non forzerò mai nessuno dei miei figli ad essere quello che non è”. A pronunciare queste parole è stata Angelina Jolie: interprete carismatica, donna impegnata ma sopratutto mamma, l’attrice non perde occasione per stare insieme ai suoi figli e per mostrarli orgogliosa al mondo. Una madre che sa accettare le scelte dei propri bambini: come nel caso della 13enne Shiloh, che da tempo ha deciso di essere John.

VIDEO - La storia di Shilol, che ha scelto di essere John 

Presente a Roma insieme alla madre e alla sorella Zahara per l’anteprima di Maleficent: Mistress of Evil, Shiloh ha sfoggiato un look elegante e un sorriso smagliante. Anche sul red carpet della première del film Disney, tenutasi qualche giorno fa a Los Angeles, l’attrice è stata accompagnata dai figli.

 

All’evento gli eredi dell’ex coppia Jolie-Pitt c’erano tutti, fatta eccezione per Maddox, 18 anni, che ha appena iniziato il college alla Yonsei University, in Corea del Sud. Presenti Pax, 15 anni, e Zahara, 14, che ormai adora sperimentare con trucco e capelli stravaganti, mentre la sorella minore Shiloh da tempo ha scelto di sentirsi ed essere John, sostenuta dai genitori. I più piccoli di casa, i gemelli Vivienne e Knox, 11 anni, sono ancora i cuccioli di mamma e papà. 

Lo scorso maggio Shiloh Jolie Pitt, prima figlia naturale dell’ex coppia d’oro di Hollywood, ha compiuto 13 anni e i ben informati la dicono legatissima al padre. Mix perfetto tra mamma Angelina e papà Brad, bocca carnosa e capelli biondi cortissimi: Shiloh continua a mostrare orgogliosa al mondo la sua scelta.

 

 

La figlia di Jolie e Pitt, fin da piccolissima, ha esternato la sua volontà di essere maschio. In famiglia si fa chiamare John e si veste solo con abiti maschili. Sui red carpet che calca insieme a mamma Angelina sfoggia sempre cravatte e smoking dal taglio maschile.

VIDEO - Ecco come Angelina Jolie diventa Malefica: il trucco è terrificante

Continua a leggere su HuffPost