Animali: 'vacanze a 4 zampe', sul web portale per 22 mln italiani con cani e gatti

Roma, 10 mag. (Adnkronos Salute) - Migliaia di indirizzi di hotel, ristoranti, bar, campeggi, villaggi ma anche residence e spiagge dove gli animali sono i benvenuti. Insieme a una guida pratica, realizzata dal ministero della Salute, con le disposizioni normative e sanitarie previste per chi vuole viaggiare con il cucciolo di casa. Sono solo alcuni dei servizi di 'Vacanze a 4 zampe', il portale (www.vacanzea4zampe.info) voluto dalla Federazione italiana associazioni diritti animali, in collaborazione con il ministero della Salute, per "offrire una risposta alle richieste dei 22 milioni di italiani che vivono con un cane o con un gatto. E combattere il fenomeno del randagismo". Lo sottolinea Michela Vittoria Brambilla (Pdl), fondatrice della Federazione, presentando l'iniziativa oggi a Palazzo Chigi, insieme al sottosegretario alla Salute Adelfio Elio Cardinale.

"Si tratta di un'iniziativa che fa parte dei primi risultati di un tavolo istituzionale nato per testimoniare l'interesse del ministero per questo settore, e la volontà ostinata di favorire i diritti degli animali, nonostante le difficoltà pratiche", evidenzia Cardinale. "Così si vuole favorire anche un contrasto al randagismo, dal momento che in estate, oltre al triste fenomeno degli anziani lasciati in ospizio, si registra l'abbandono degli animali. Meno randagismo e più strutture attrezzate vuol anche dire più sviluppo per un settore importante del Paese, quello turistico", prosegue Cardinale, che ha la delega al benessere e alla salute animale. "Di certo la mia Asia", una cagnetta "senza pedigree, sarà felice dell'iniziativa di oggi", confida con un sorriso il sottosegretario.

Il portale, oltre agli indirizzi a misura di quattrozampe in vacanza, elenca anche i servizi offerti dalle strutture, mentre nella sezione 'news' saranno riportate tutte le novità interessanti per i proprietari di cani e gatti, che potranno interagire anche commentando i servizi 'testati' in prima persona, con suggerimenti e opinioni, o presentando richieste in materia di medicina veterinaria e consulenza legale. "In Italia c'è un cambiamento in atto su questi temi - riflette Brambilla - ma ancora non si può entrare con un cane o un gatto negli uffici pubblici o nei luoghi di vacanza. Speriamo di contribuire a cambiare le cose. Ricordo inoltre l'iniziativa con l'Anci per ridare impulso a un prototipo di ordinanza che i sindaci possono emanare per destinare spazi del litorale agli animali. Invitiamo tutti i comuni ad aderire".

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno