Anla: grazie al Papa per istituzione Giornata Mondiale dei Nonni

Red
·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 1 feb. (askanews) - "Ringraziamo Papa Francesco per il grande dono della Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani". Lo dice il presidente nazionale di Anla Edoardo Patriarca, sottolineando come sia un "ideale compimento di un magistero che fin dal suo inizio ha voluto essere attento alla vita quando è debole, l'infanzia e l'età anziana. Come Associazione nazionale di lavoratori anziani - dice - plaudiamo all'iniziativa perché consente di porre in evidenza il ruolo sociale svolto dagli anziani e dai nonni in particolare. Da anni sottolineiamo il notevole apporto, talora anche in termini economici, che le generazioni più anziane danno a quelle più giovani e il prezioso ruolo giocato dai nonni nel welfare familiare e quindi nel sociale del nostro Paese. Oggi tuttavia c'è qualcosa di più. La pandemia ha radicalmente mutato il contesto nel quale viviamo e lo sta facendo in tutto il mondo. Anche gli anziani hanno dovuto cambiare nuovamente il loro modo di vivere, rinunciando spesso a quella socialità che diventa a un certo punto della vita indispensabile per il proprio equilibrio psico - fisico. In un contesto che ha visto bloccare quasi ogni tentativo di aggregazione e pressoché ogni iniziativa associativa, gli anziani sono di nuovo tornati ad essere anello debole della nostra società. Abbiamo cercato di alleviare questo stato grazie all'impiego della tecnologia - penso alle video chiamate o agli incontri sulle piattaforme digitali o anche alle telefonate - ma gli anziani come i più piccoli hanno bisogno del calore di un incontro, della tenerezza di uno sguardo, della forza della compagnia, non per vivere di ricordi - sarebbe questo già un errore in partenza - ma per condividere insieme un tratto di strada con la dolcezza dell'amicizia e del comune percorso intrapreso. Non è ancora il momento, dobbiamo proteggere i nostri anziani in attesa che la vaccinazione contro il virus possa essere realmente alla portata di tutti, ma come ANLA sentiamo il desiderio di aiutare - anziani noi con altri anziani - a spezzare la freddezza dell'isolamento consentendo, è il Papa che l'ha ricordato ieri nelle sue parole dopo l'Angelus, l'incontro fra nonni e nipoti. Allora come Associazione desideriamo promuovere su tutto il territorio nazionale non l'ennesimo concorso ma un progetto, "i nonni che scrivono ai nipoti" nell'ambito del quale da oggi fino alla quarta domenica di luglio, festa dei "nonni" di Gesù, raccoglieremo le lettere e i messaggi che i nonni d'Italia vorranno scrivere, per presentarne una selezione al Papa, pubblicarli sul nostro periodico Esperienza e festeggiare ancora una volta, come già facciamo ogni 2 ottobre, festa dei nonni nella Repubblica italiana, chi ci ha donato la vita, il cuore, l'affetto. Il Papa, nell'udienza che ha voluto concederci lo scorso 16 dicembre 2019, ci ha ricordato: "Il futuro - e questo non è esagerato - sarà nel dialogo fra giovani e anziani. Se i nonni non dialogano con i nipoti, non ci sarà futuro. Siamo tutti chiamati a contrastare questa velenosa cultura dello scarto. Siamo chiamati a costruire con tenacia una società diversa, più accogliente, più umana, più inclusiva, che non ha bisogno di scartare chi è debole nel corpo e nella mente, anzi, una società che misura il proprio "passo" proprio su queste persone". Noi di ANLA abbiamo scelto di mettere al servizio del nostro Paese, per la costruzione del bene comune, quanto abbiamo appreso nella nostra vita in termini di professionalità e lavoro, dal volontariato in ambiti sanitari delicati come a Bologna o nell'ambito culturale come in Toscana, alla semplice presenza in compagnia come nei gruppi di anziani d'azienda in tutta Italia. Nonni e nipoti sono il nostro bene più grande, sono la trasmissione della vita".