Articolo101: "Santalucia si dimetta dall'Anm, ha insabbiato chat Palamara". Replica: "Accuse infondate"

Federica Olivo
·Giornalista, Huffpost
·2 minuto per la lettura
Sede dell'Anm - il presidente Giuseppe Santalucia (Photo: Ansa)
Sede dell'Anm - il presidente Giuseppe Santalucia (Photo: Ansa)

A quasi due anni dalla sua esplosione, il caso Palamara continua a far ballare l’Anm. Questa volta un gruppo di componenti del Comitato direttivo centrale arriva a chiedere le dimissioni del presidente Giuseppe Santalucia. In una lunga nota arrivata ieri sera, Giuliano Castiglia, Maria Angioni, Andrea Reale e Ida Moretti, eletti per la Lista ArticoloCentouno, un gruppo che non afferisce a nessuna corrente e si oppone all’esistenza stessa dei gruppi associativi, ha lanciato una lunga accusa nei confronti del numero uno del sindacato delle toghe. Le ragioni? Tutto ruota intorno ad alcune chat che il pm al centro dell’inchiesta sulle nomine aveva tenuto con i colleghi. Si tratta di carte che all’Anm servono per i procedimenti disciplinari davanti ai probiviri. Al collegio, cioè, che l’anno scorso ha espulso Palamara.

La questione è complicata, ed il confine tra il tecnico e il sostanziale è molto labile. Proviamo a districarla. I componenti della lista ArticoloCentouno accusano Santalucia di aver voluto “insabbiare” alcune “questioni generali poste dal disvelamento delle chat di Luca Palamara”. Il riferimento, in particolare, è a una parte del documento arrivato da Perugia - dove è in corso il processo a Palamara - e che riguardava un magistrato che nel frattempo ha lasciato l’Anm. La toga in questione aveva chiesto la cancellazione dello scambio verbale con l’ex leader di Unicost. Non facendo più parte dell’associazione, infatti, non avrebbe dovuto più subire il giudizio dei probiviri. Salvo, ed è quello che hanno sottolineato nella nota i componenti della lista ArticoloCentouno, l’attivazione di una norma dello statuto che consente “al Comitato direttivo centrale di sospendere gli effetti delle dimissioni presentate dai soci sottoposti a procedimenti disciplinari”.

Ora, in relazione al materiale relativo alla toga dimission...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.