Anm, Napoli (Fi): comodo pensare problema risolto con due espulsioni

Pol

Roma, 20 giu. (askanews) - "Troppo comodo, troppo facile e troppo semplice: espulsi Palamara e Criscuoli e tutto torna normale nell'Anm? Premesso che non ho mai messo becco in vicende giudiziarie e mai ho nutrito sentimenti negativi verso la magistratura, mi chiedo se davvero l'Associazione dei magistrati non ritenga di mettere un limite all'ipocrisia dei propri comportamenti e dei comportamenti di molti suoi associati. Non critico minimamente l'azione dei singoli magistrati, ma biasimo la gestione dell'Associazione venuta meno ai propri compiti di rappresentanza. Le correnti, in politica come in magistratura, non nascono per affermare solo ideali e valori. Pi spesso esse sono la manifestazione di una lotta organizzata per conquistare il potere da distribuire fra i propri aderenti, guadagnare posizioni di prestigio sociale e gratificanti sul piano economico. sorprendente vedere come soltanto adesso, dopo tanti anni, si sono accorti che le correnti sono uno strumento nella lotta di potere". Dichiarazione dell'on. Osvaldo Napoli, del direttivo di Forza Italia alla Camera.

"A tanto si ridotta l'Anm negli ultimi anni: un centro di potere per conquistare il quale gli associati hanno fatto ricorso a ogni astuzia, in una lotta sorda e senza regole, scambiandosi spesso colpi bassi esattamente come avviene in politica. Quando si parla delle riforme, quella della giustizia viene citata in modo rituale quando invece la prima e pi urgente delle riforme per restituire una funzionalit minima al sistema Italia. In questo quadro troppo comodo per ANM pensare di aver risolto i problemi con due espulsioni. Evitino i magistrati di aggiungere ipocrisia a ipocrisia. E il ministro Bonafede smetta di essere il semplice spettatore di una partita che lo vede invece coinvolto in prima persona. Si scuota dal torpore, e veda di assumere le iniziative del caso", conclude.