Anm a Varsavia per marcia a favore toghe polacche discriminate -2-

Red/Cro/Bla

Roma, 10 gen. (askanews) - All'iniziativa sostenuta, fra gli altri, da Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés), da altre associazioni europee di magistrati e avvocati, parteciperanno giuristi e magistrati di tutta Europa. Per l'Italia sarà presente anche Vito Monetti, già presidente di Medel.

"Assistiamo ad un'ulteriore involuzione della crisi sistemica dello stato di diritto in Polonia, innescata da riforme che hanno gravemente compromesso l'indipendenza del sistema giudiziario e del suo sistema di governo autonomo. Dopo la pronuncia della Corte di Giustizia dell' UE del 19 novembre 2019 e quella della Corte Suprema di Polonia del 5 dicembre, che ha ritenuto il Consiglio di Giustizia (KRS) organo non indipendente, il governo polacco ha presentato un progetto di legge che limita gravemente la libertà dei giudici, sia nell'attività giurisdizionale che in quella associativa: sono previste gravi sanzioni disciplinari (fino alla destituzione) per i giudici che daranno attuazione ai principi della sentenza della Corte di Giustizia e in relazione agli obblighi di dichiarare l'appartenenza ad associazioni o a valutazioni critiche espresse sull'operato di altre Istituzioni", si legge in una nota di Magistratura Democratica sottolineando che "le decisioni che riguardano i tribunali e i giudici sono trasferite ai Presidenti di tribunale direttamente nominati dal ministro della Giustizia".

L'appello che convoca la Marcia ("Appeal to European lawyers - march in defense of the rule of law- January 11, 2020 Warsaw") si può leggere sul sito dell'Associazione dei giudici polacchi Iustitia