Anna Mazzamauro confessa: “Odio le suore, le picchierei”

anna mazzamauro

La confessione di Anna Mazzamauro ha sconvolto moltissimi italiani. La donna è conosciutissima per aver interpretato la Signorina Silvani nei film della saga di Fantozzi. In un’intervista ai microfoni radio de I Lunatici, Anna ha raccontato alcuni episodi della sua infanzia. Ma le sue dichiarazioni sono alquanto particolari. “Odio le suore” ha esordito l’attrice. “Detesto le monache – ha poi aggiunto -, non le posso vedere, quando le incontro per strada le picchierei. Non voglio generalizzare, magari ce ne sono di meravigliose, ma le mie non lo erano”. Ecco il motivo di queste affermazioni.

Anna Mazzamauro

La nota Signorina Silvani nei film di Fantozzi si è confessata ai microfoni de I Lunatici. Anna Mazzamauro, infatti, ha svelato il motivo del suo odio per le suore. Fin da quando era bambina, infatti, l’attrice ha avuto a che fare con monache e suore, forse per questi motivi oggi nutre un certo ribrezzo verso di loro. “Da ragazzina – ha raccontato in un’intervista – studiavo soltanto lettere, in matematica ero una capra. Avevo nove e dieci in latino, ma voti bassissimi nelle materie scientifiche”. Anna ha frequentato scuole religiose a partire dall’asilo fino ad arrivare al liceo. Ma come ha poi ricordato “ho dei ricordi pessimi delle suore, orrendi”. L’attrice ha anche specificato che se le incontrasse per strada le picchierebbe.

Non è stato facile nemmeno il rapporto con la famiglia: “Sono sempre stata una diversa” ha spiegato l’attrice. “Vengo da una famiglia normale, borghese – ha poi proseguito -. Questa figlia che voleva fare la ‘bottana’ da grande veniva visto male. Questo consideravano una ragazza che voleva fare l’attrice. Se avessero assecondato questa mia diversità con calma e con amore forse avrei sofferto di meno“.

Infine, l’attrice ha confessato un suo timore: “Pensavo di essere nel peccato totale, pensavo di essere una amorale, mi sono sempre posta con gli altri, i cosiddetti normali, come se io fossi una povera disgraziata che tentava di immettersi nel mondo”.

La carriera

Nel corso della sua carriera la donna è stata insignita di vari premi e titoli: ad esempio nel 2013 ha vinto il premio “Charlot” alla carriera e il “Queen of Comedy” al Festival di Milano. Un anno dopo (2014), invece, ha preso parte alla commedia teatrale “Nuda e cruda” al teatro Erba di Torino. Anna ha sposato uno sceneggiatore, Bartolomeo Scavia, dal quale ha avuto una figlia.