Annamaria Cattelan: "In reparto intere famiglie no vax. Da 2 anni trascuriamo le altre patologie"

·1 minuto per la lettura
(Photo: RUBEN BONILLA GONZALO via Getty Images)
(Photo: RUBEN BONILLA GONZALO via Getty Images)

“Stiamo tornando a vedere cluster familiari come nella prima ondata. Con la differenza che allora non esisteva il vaccino e quindi bastava che un componente contraesse il Covid per passarlo a tutti i parenti. Adesso il vaccino c’è, ma ci sono anche intere famiglie no vax, per le quali il tempo sembra non essere passato”. A raccontarlo Annamaria Cattelan, primario di Malattie infettive dell’Azienda ospedaliera di Padova, intervistata dal Corriere della Sera che spiega “il 60% dei ricoverato con il coronavirus non è immunizzato”.

E riguardo le altre patologie afferma: “Restano indietro. Stiamo trascurando da due anni i pazienti con Hiv e abbiamo rallentato molto la campagna Oms per l’eradicazione dell’epatite C. Garantiamo le urgenze con le risorse e il personale a disposizione, poca cosa visto che quasi tutto e tutti sono assorbiti dal Covid”

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli