Antibiotico resistenza, Parente (Iv): si rischia crisi più grave

featured 1617436
featured 1617436

Roma, 8 giu. (askanews) – “Il problema dell’antibiotico resistenza è molto importante, dobbiamo essere consapevoli che questa può essere la più grande emergenza sanitaria dei prossimi anni. Siamo già a lavoro per evitare che ciò accada. È necessario anche prevedere la formazione del personale socio sanitario, perché un batterio può sopravvivere 4-5 anni in un ospedale e passare da un reparto all’altro; ma anche dei medici di famiglia, perché non promuovano un uso indiscriminato dell’antibiotico”. A dichiararlo è la senatrice Annamaria Parente, presidente della commissione Igiene e Sanità del Senato, durante la puntata odierna di Largo Chigi, il talk di The Watcher Post condotto da Piero Tatafiore.

“Per contrastare la peste suina – ha aggiunto – siamo a lavoro con le regioni, per le quali abbiamo creato un fondo di 15mln di euro al fine di contenere il problema. Ci sono sicuramente anche comportamenti umani che hanno contribuito a generare questa criticità, una di queste è sicuramente l’eccessiva importazione di cinghiali, l’altra è quella di essere poco attenti al corretto smaltimento dei rifiuti. Dobbiamo fare tutti la nostra parte per tornare ad avere un giusto equilibrio”, ha concluso Parente.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli