Antisemitismo, ok a mozione Segre. Centrodestra si astiene

webinfo@adnkronos.com

Con 151 voti favorevoli, nessun contrario e 98 astensioni, il Senato ha approvato la mozione Segre sull'istituzione di una Commissione straordinaria per il contrasto ai fenomeni dell'intolleranza, del razzismo, dell'antisemitismo e dell'istigazione all'odio e alla violenza. 

Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia si sono astenuti. "Siamo contro il razzismo, la violenza, l'odio e l'antisemitismo senza se e senza ma. Non vorremmo che però qualcuno a sinistra spacciasse per razzismo quella che per noi è una convinzione, un diritto, ovvero il 'prima gli italiani'. Siamo al fianco di chi vuole combattere pacificamente idee fuori dal mondo però non vogliamo bavagli, non vogliamo uno stato di polizia che ci riporti a Orwell" ha detto Matteo Salvini.  

"Fratelli d'Italia si è astenuta per rispetto alla senatrice Segre cui va tutta la nostra solidarietà - ha dichiarato il senatore di Fratelli d'Italia Giovanbattista Fazzolari - Chi attacca una donna che da ragazza ha vissuto il dramma della deportazione in un campo di concentramento non soltanto è un vigliacco ma è anche un idiota". "Fratelli d'Italia - ha spiegato - non ha votato a favore dell'istituzione della Commissione perché non è una commissione sull'antisemitismo, come volevano far credere, ma una commissione volta alla censura politica".  

Nell'Aula del Senato il vicecapogruppo vicario di Forza Italia Lucio Malan ha spiegato l'astensione del partito "non condividendo taluni contenuti della mozione della maggioranza" ma, "ribadendo la massima solidarietà alla senatrice Segre per gli odiosi attacchi che subisce sulla Rete" Forza Italia ha assicurato "il suo fattivo contributo ai lavori della istituenda commissione parlamentare". Ma c'è tensione nel partito. “La mia Forza Italia, la mia casa, non si sarebbe mai astenuta in un voto sull’antisemitismo - ha scritto in una nota Mara Carfagna, vicepresidente della Camera e deputata di Forza Italia - Stiamo tradendo i nostri valori e cambiando pelle. Intendo questo quando dico che nell’alleanza di centrodestra andiamo a rimorchio senza rivendicare la nostra identità. Se l’unità della coalizione in politica è un valore aggiunto, essa non può compromettere i valori veri, quelli che fanno parte della nostra storia”. E per Osvaldo Napoli, del direttivo di Forza Italia alla Camera, "il Ppe non avrebbe esitato a votare a favore della mozione che istituisce la Commissione Segre per indagare il fenomeno dell'odio sul web".  

Arriva anche una nota comune dei senatori di Fi, Andrea Cangini, Andrea Causin, Barbara Masini, Laura Stabile, Sandra Lonardo, Massimo Mallegni, Franco Dal Mas e Roberto Berardi. "Oggi in aula al Senato abbiamo perso un’occasione - si legge - con il nostro voto di astensione sulla istituzione della cosiddetta Commissione Segre, per ribadire la nostra vocazione autenticamente liberale, che ci consente di coniugare, la difesa della libertà di espressione con i limiti che doverosamente la legge prevede per l’incitamento all’odio, alle discriminazioni razziali, religiose e di genere. Siamo e rimaniamo contrari ai reati di opinione, ma allo stesso tempo siamo preoccupati per il linguaggio d’odio che spesso abita la società e i social media, dove sono i giovani e giovanissimi a trovarsi di fronte a quello che rischia sempre di più di diventare la normalità. Su un tema del genere era forse più saggio non rappresentare un Parlamento diviso in schieramenti politici contrapposti. Questa volta ci siamo adeguati, in futuro non è detto che lo faremo".  

Il segretario del Pd Nicola Zingaretti attacca l'astensione del centrodestra: "Che vergogna questa destra sempre più a trazione Salvini che cede alla piazza San Giovanni piena d’odio, rancore e violenza e boccia la commissione. E poi diteci che non c’è differenza tra destra e sinistra".  

Durissimo il commento delle deputate e dei deputati del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura: "Una notizia che si commenta da sé e che determina un violento attacco ai valori fondanti della Repubblica nata dalla Resistenza dopo la drammatica dittatura dell'epoca nazifascista e l'immane tragedia dell'Olocausto. Vedere le opposizioni astenersi al Senato sulla mozione per la commissione contro l'antisemitismo proposta da Liliana Segre fa male a ogni cittadino democratico. Questo valori non sono né di destra né di sinistra, ma rappresentano le radici storiche e culturali della nazione. Non ci sono distinguo possibili: quello di Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia è un atto grave e irresponsabile che strizza l'occhio a odiatori seriali ed estremisti".