Antisemitismo, Ucei: nomina Santerini "un segnale importante"

Red/Sim

Roma, 16 gen. (askanews) - "Con la nomina di un coordinatore nazionale per la lotta contro l'antisemitismo, designato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nella figura della professoressa Milena Santerini, l'Italia va a colmare un vuoto significativo allineandosi a quanto fatto da Germania, Francia, Regno Unito e altri Paesi sulla base delle diverse risoluzioni europee": è quanto ha affermato la presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Noemi Di Segni, in una nota.

"Si tratta di un intervento necessario, che sarà di fondamentale supporto nella lotta a questa minaccia crescente che mette in pericolo non solo le comunità ebraiche, radice storica di questo Paese, protagoniste delle sue vicende da oltre due millenni, ma l'insieme della collettività - ha sottolineato Di Segni - in questo senso si va ad agire per risolvere un problema di tutti, non solo di pochi cittadini".

"Serviva un segnale forte. La scelta della professoressa Santerini, figura autorevole e da anni impegnata in questo ambito, va in questa direzione. Conosce bene la sfida che ci attende, assieme a tutte le istituzioni con cui si andrà a operare. Al Presidente Conte e al governo va tutto il nostro apprezzamento per l'impegno assunto. Adesso è imperativo un lavoro sulle norme e il rafforzamento dei percorsi didattici ed educativi", ha concluso la presidnete dell'Unione delle Comunità ebraiche.