Antonella: "io chirurgo a Be'er Sheva, viaggio in bus un incubo con missili in lontananza"

·1 minuto per la lettura

"Sono un chirurgo pediatrico all'ospedale di Be'er Sheva, piuttosto vicina alla striscia di Gaza. Ogni giorno vado a lavorare con i mezzi pubblici, vivendo a Gerusalemme. Il viaggio in autobus è da brividi, appena si vede qualcosa in cielo, bisogna fermarsi, sdraiarsi a terra e riparare la testa con qualsiasi cosa. Sono riti noti a tutti, ritmi che scandiscono i nostri giorni, a casa, a lavoro, per strada. La situazione è molto pesante, è deprimente, è il panico". Antonella Nahum è una dottoressa israeliana che all'Adnkronos racconta i giorni del conflitto tra corse disperate per mettersi in salvo a ogni allarme, occhi puntati verso l'orizzonte per avvistare eventuali missili in arrivo e rientri in case dove non si dorme di più.

"Poco fa è risuonata l'ennesima sirena, siamo scappati in uno dei tanti rifugi che ci sono in ospedale, delle zone dove la gente si raggruppa per evitare i razzi. Ero in ambulatorio con due genitori beduini e il loro bimbo neonato - racconta - al segnale ci siamo messi a correre, ognuno aiuta l'altro, siamo tutti nella stessa barca. Il suono delle sirene è indescrivibile, allucinante, una cosa che ti entra nelle orecchie e nel cuore e non ti esce. Abbiamo i nervi a fior di pelle, il rumore è atroce. Arrivano bimbi feriti dagli attacchi di questi giorni, abbiamo una pista di atterraggio per gli elicotteri. A tutto questo, alla guerra, non ci si abitua mai: indipendentemente da chi hai sotto ai ferri, è una cosa che ti tocca perché ogni volta pensi che, al suo posto, in quel tavolo operatorio, potresti esserci tu o un tuo caro".

(di Silvia Mancinelli)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli