Antonella Viola: “Il vaccino per il Covid quando sarà approvato sarà sicuro"

Linda Varlese
·Editor, HuffPost Italy
·2 minuto per la lettura
Antonella Viola (Photo: Facebook)
Antonella Viola (Photo: Facebook)

“In questo momento stanno girando una serie di interpretazioni erronee su come è avvenuta la ricerca sui vaccini e su quale sarà il meccanismo di approvazione. Quindi il punto è: non ascoltate chi mette in giro delle voci scorrette, false, strumentali”. Antonella Viola, immunologa e Professoressa Ordinaria di Patologia Generale presso il Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Padova, ribadisce ad HuffPost la posizione che qualche giorno fa aveva assunto con un post sul suo profilo Facebook: “Il vaccino quando sarà approvato sarà un vaccino sicuro perché è un fatto che ci sia stata un’accelerazione, una grande spinta alla ricerca, alla produzione, alla parte burocratica del processo; ma non si è messa in atto nessuna scorciatoia in termini di sicurezza, efficacia, protocolli e qualità della verifica”.

Quindi nessun dubbio sulla sicurezza dei vaccini?

In questo momento il vaccino non c’è perché non è stato ancora registrato, ma quando sarà registrato vorrà dire che gli esperti che hanno il compito di valutare la qualità dei dati raccolti durante la fase 3, avranno deciso che il vaccino è sicuro ed efficace.

Alcuni suoi colleghi sostengono di voler avere accesso ai dati, prima di valutare

Non siamo noi singoli scienziati a dover valutare questi dati. Io non vedo l’ora di vederli e di leggerli per mia passione, per mia curiosità e perché faccio questo di mestiere. Però ci sono degli enti deputati a fare questo. In questo momento dobbiamo far lavorare quelle persone che i dati in mano ce li hanno e dobbiamo fidarci. Perché sono le stesse persone che hanno approvato anche gli altri vaccini, che sono sempre stati sicuri. A un certo punto questi dati verranno pubblicati e saranno disponibili per tutti. Ma è sbagliato dire ‘io non mi fido se non vedo i dat...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.