Uccisa in casa a Roma, fermato il figlio della colf

Mistero a Tolfa, in provincia di Roma, dove una donna di 91 anni è stata trovata morta nella sua abitazione nella serata di venerdì. Secondo quanto riportato dall’Ansa l’anziana presentava segni di violenza, il 118 che l’ha soccorsa non ha potuto far altro che constatarne il decesso.

I Carabinieri della Stazione di Tolfa e della Compagnia di Civitavecchia hanno avviato le indagini. Secondo i primi dettagli forniti dalle forze dell’ordine la casa era stata messa a soqquadro e dunque, tra le ipotesi al vaglio, c’è quella di una rapina finita male.

A dare l'allarme sono state ieri sera le figlie della donna che quando sono andate a trovarla l'hanno trovata a terra in cucina, come se fosse caduta da una sedia, e con il volto tumefatto. In casa mancherebbero un centinaio di euro e qualche monile. Sul corpo della donna verrà effettuata l'autopsia.

LEGGI ANCHE - Omicidio Sacchi, Del Grosso e Pirino non rispondono al gip

In seguito all’omicidio è stato fermato un 23enne, albanese, figlio della badante della vittima. Il fermo è stato emesso dalla procura di Civitavecchia.

Il sospettato è stato rintracciato dai carabinieri e interrogato presso la caserma di Civitavecchia. Secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti, l’uomo sarebbe entrato nell’abitazione dell’anziana in cerca di soldi. Con lui ci sarebbe stata anche un’altra persona al momento ricercata dalle forze dell’ordine.

GUARDA ANCHE - Omicidio Sacchi, le parole del dipendente dell’hotel