Aperto Mercato Centrale Milano, botteghe nel cuore della stazione

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 2 set. (askanews) - Nel cuore della Stazione Centrale, dopo lo stop imposto dall'emergenza sanitaria, ha aperto oggi Mercato Centrale Milano. Si tratta di due piani di botteghe del gusto, un mulino, un ristorante, un mercatino biologico, un laboratorio radiofonico, una scuola di cucina, un'area eventi, servizi digitali ed ecocompattatori per dare nuova vita alle bottiglie in Pet allestiti nel lato ovest dello scalo, quello che dà su Piazza IV Novembre e via Sammartini. Si propone anche come nuovo luogo di incontro, condivisione e produzione di contenuti culturali. Una lanterna accesa al centro della città, tutti i giorni dalle 7 a mezzanotte.

È un progetto di Umberto Montano, imprenditore della ristorazione, in collaborazione con il gruppo Human Company, leader in Italia nel settore del turismo all'aria aperta. Sul modello di quanto già fatto nel 2014 a Firenze al primo piano dello storico mercato di San Lorenzo, nel 2016 a Roma in Stazione Termini e nel 2019 a Torino a Porta Palazzo, la struttura meneghina conferma la formula, fatta di artigianalità, territorio, incontro e vocazione culturale.

"L'impresa del futuro deve preoccuparsi di uscire quanto prima dalla logica del guadagno ad ogni costo. È evidente che ogni impresa si debba basare sulla produzione del reddito, ma è sempre più necessario che presti molta attenzione alla qualità degli utili" ha scritto in una nota Montano. "Le opportunità per produrre 'guadagni di qualità' dipendono solo dagli strumenti messi in campo dall'impresa per compiere atti di condivisione col pubblico e con il territorio, che vadano oltre lo scambio commerciale e quelli fondamentali, a mio parere, sono: la condivisione, la passione e il sapere" ha aggiunto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli