Appalti truccati: arrestato il presidente della Provincia di Benevento

·1 minuto per la lettura
Facebook/Antonio di Maria (Photo: Facebook/Antonio di Maria)
Facebook/Antonio di Maria (Photo: Facebook/Antonio di Maria)

Il presidente della provincia di Benevento Antonio Di Maria, altre sette persone agli arresti domiciliari e dieci soggetti destinatari del divieto di contrattare con la pubblica amministrazione: è il bilancio di una indagine della Procura di Benevento e dei carabinieri su undici procedure pubbliche di appalto indette e gestite dalla Provincia di Benevento, da quella di Caserta e dal Comune di Buonalbergo, il cui sindaco è tra gli arrestati.

La misura riguarda imprenditori e professionisti indiziati, a vario titolo, di corruzione aggravata, turbata libertà degli incanti, rivelazione di segreti d’ufficio ed emissione di fatture per operazioni inesistenti. Ci sarebbero anche altri reati per i quali si procede, tentativo di induzione indebita a dare o a promettere altre utilità, tentativo di concussione, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e falso ideologico. Sono stati effettuati sequestri preventivi di somme di denaro che ammonterebbero a circa 49 mila euro.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli