Apple condannata a una multa per il rallentamento dei vecchi iPhone

apple condannata a una multa per rallentamento iphone

Apple dovrà pagare una multa da 500 milioni di dollari ai propri utenti. Questo l’accordo che la nota azienda ha raggiunto per superare il caso degli iPhone rallentati di proposito. Se l’accordo dovesse venire accettato dal tribunale della California, l’azienda di Cupertino risarcirà i possessori di due iPhone con 25 dollari a testa fino al raggiungimento della cifra di 500 milioni di dollari. Attenzione, però. Se altri utenti decideranno di aderire alla denuncia, l’importo per ogni singola persona sarà inferiore. Con questo accordo Apple vuole chiudere le controversie in seguito alla confessione di aver inciso sulle performance di iPhone 6 e iPhone 7 per evitare un tracollo drastico della batteria.

Multa da 500 milioni per Apple

Il caso è salito alle cronache nel 2017. Alcuni utenti hanno scoperto che iOS limitava di proposito la velocità del processore man mano che la batteria del telefono invecchiava. Per evitare un crash del sistema che avrebbe comportato spegnimenti improvvisi, la Mela era intervenuta sulla luminosità dello schermo, sul volume massimo degli speaker e sul flash della fotocamera. Il tutto ovviamente senza avvisare gli utenti. Nelle cause legali, gli utenti hanno affermato di aver acquistato dispositivi completamente nuovi per risolvere il problema. Tuttavia, se avessero saputo di questa funzione, avrebbero potuto pensare di sostituire semplicemente la batteria.

La vicenda aveva sollevato un vero e proprio polverone, tanto da indurre la Apple a scusarsi ufficialmente. La nota azienda tecnologica ha introdotto la possibilità di sostituire le vecchie batterie a un prezzo scontato e ha aggiornato iOS con la possibilità di controllare lo stato della tua batteria e disattivare manualmente questo “rallentamento” del tuo iPhone. Ma poi ha confermato la stessa strategia su iPhone 8 e iPhone X e in seguito anche per i modelli 2018 – iPhone XS, iPhone XS Max e iPhone XR – con l’arrivo di iOS 13.1.