Apple, ok primi stati Usa a carte d’identità e patenti nel wallet

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 1 set. (askanews) - Apple ha annunciato i primi stati americani che hanno aderito all'uso del nuovo strumento di iOS 15, che consente di conservare patenti di guida e carte d'identità statali nella app wallet. Arizona e Georgia saranno i primi ad accettare carte d'identità e patenti digitali a marchio Apple, seguito da Connecticut, Iowa, Kentucky, Maryland, Oklahoma e Utah. I tempi non sono noti e il gruppo di Cupertino si è limitato ad annunciare che i consumatori avranno "maggiori informazioni a una data successiva". E la Transportation Security Administration (TSA), l'autorità del trasporto civile Usa, ha confermato che aprirà alcuni checkpoint e corridoi di sicurezza negli aeroporti alle carte d'identità mobili di Apple quando gli stati le avranno adottate.

Aggiungere un documento d'identità al wallet di Apple non sarà diverso dall'aggiungere una carta di credito, ma dopo aver scannerizzato il documento con l'obiettivo del telefono, occorrerà fornire un selfie che lo stato potrà usare per verifiche. Apple ha anche annunciato che "gli utenti saranno anche invitati a completare una serie di movimenti del volto e del capo durante il setup".

Il gruppo ha anche sottolineato la protezione della privacy che comporta questa nuova funzionalità, infatti "Apple e gli stati he emettono il documento non sapranno quando o dove il titolare li esibisce" e servirà un'autenticazione biometrica per condividere i dati. I documenti d'identità saranno "esibiti digitalmente attraverso una comunicazione criptata attraverso l'apparecchio e il lettore, quindi gli utenti non dovranno sbloccare, mostrare o consegnare l'iPhone".

Secondo l'ACLU e la Electronic Frontier Foundation "a lungo termine, se i documenti d'identità digitali sostituiranno del tutto i documenti fisici, o se i titolari di documenti fisici subiranno svantaggi, ciò potrebbe avere conseguenze significative sull'equità e la giustizia nella vita americana".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli