Apple scioglie l'iPhone dall'abbraccio cinese

AGI

AGI -  L'iPhone è passato dall'essere un prodotto progettato in California ma realizzato in Cina, una joint venture creativa d'entrambi i paesi. Ma il prossimo autunno Apple realizzerà per la prima volta alcuni dei suoi iPhone di punta anche fuori dalla Cina, piccolo ma significativo cambiamento per un'azienda che ha costruito una delle catene di approvvigionamento più sofisticate al mondo con l'aiuto dei cinesi. Ma in ogni caso, “lo sviluppo dell'iPhone 14 mostra quanto sarà complicato per Apple districarsi davvero dal vincolo con la Cina”, annota il New York Times.

Il motivo è che più che mai, dipendenti e fornitori cinesi di Apple hanno contribuito nel tempo con progetti complessi a realizzare componenti sofisticate per il 15° anno consecutivo del dispositivo principale. Inclusi design, altoparlanti. batterie.

Analizza il Times: “Il lavoro della Cina riflette i progressi del paese negli ultimi dieci anni e un nuovo livello di coinvolgimento degli ingegneri cinesi nello sviluppo di iPhone”. Dopo che il paese ha attirato le aziende nelle sue fabbriche con legioni di lavoratori a basso prezzo e capacità di produzione senza rivali, i suoi ingegneri e fornitori hanno cominciato a “rivendicare una fetta più grande del denaro che le aziende statunitensi spendono per creare gadget high-tech”, si legge.

Però anche nel caso in cui Apple realizzasse per la prima volta alcuni dei suoi iPhone di punta fuori dalla Cina, in paesi come l'India per esempio, la Cina si è già assicurata il controllo sul prodotto. In che modo? “Le aziende cinesi con attività in India continueranno a svolgere un ruolo chiave nel piano di Apple di produrre alcuni iPhone nel Paese”, tant'è che a Chennai, in India, “il fornitore taiwanese Foxconn, che già produce iPhone in fabbriche in tutta la Cina, guiderà l'assemblaggio del dispositivo da parte dei lavoratori indiani con il supporto dei vicini fornitori cinesi”. Anche la cinese Byd si sta organizzando per tagliare il vetro per i display.

Ma c'è anche un'altra ragione della “presa cinese” sull'iPhone californiano: “Le interruzioni legate al Covid hanno esacerbato la difficile situazione di Apple. Quando la Cina ha chiuso i suoi confini nel 2020, Apple è stata costretta a rivedere le sue operazioni e ad abbandonare la sua pratica di far volare orde di ingegneri con sede in California in Cina per progettare il processo di assemblaggio degli iPhone di punta”, scrive il Times, così invece di sottoporre il personale a lunghe quarantene, “Apple ha iniziato a responsabilizzare e assumere più ingegneri cinesi a Shenzhen e Shanghai per guidare gli elementi di progettazione critici per il suo prodotto più venduto” in quel momento.

Così, a poco a poco, la Cina ha alimentato fornitori nostrani che hanno iniziato a sostituire i fornitori di Apple in tutto il mondo. Le aziende cinesi hanno poi prodotto altoparlanti, tagliato il vetro, fornito batterie e prodotto moduli per fotocamere. Ora i suoi fornitori rappresentano oltre il 25% del valore di un iPhone.Segnale di questo cambiamento nei rapporti Usa-Cina? Che United Airlines non offre più voli diretti da San Francisco a Hong Kong. Vola diretta a Shanghai quattro giorni alla settimana.