Apre 26esima edizione di Festivaletteratura, il mondo a Mantova

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 7 set. (askanews) - Si apre oggi a Mantova la ventiseiesima edizione di Festivaletteratura, che fino a domenica 11 settembre porterà nella città lombarda, come da tradizione, scrittori e storie da tutto il mondo. Dopo due anni di contenimenti forzati, ma anche di invenzioni, il Festival prova a riprendere più spazio in città, partendo dalla convinzione degli organizzatori che ci sia sempre più bisogno di letteratura.

"La letteratura - spiegano dal Festival - sa leggere il mondo, ne interpreta paure e speranze, vede distintamente ciò a cui ancora non sappiamo dare un nome, ricorda e guarda oltre. Smarriti di fronte alle tessere scomposte di un presente che non riusciamo a interpretare, è alla letteratura che chiediamo di tracciare un disegno, tentare un senso, offrirci nuovi punti di osservazione".

Questa edizione di Festivaletteratura guarda a storie nazionali e tensioni globali, crisi identitarie e percorsi di emancipazione, diritti di base e paesaggi in trasformazione attraverso romanzi, raccolte poetiche, narrazioni giornalistiche, memoir, carteggi d'autore, albi a fumetti, testi teatrali, che avvertono spesso per primi e con più forte sentire quello che avviene (o sta per avvenire) accanto a noi o poco più lontano. Un'esplorazione quella del Festival che non vuole isolarsi nelle storie, ma che ambisce a portare a continui sconfinamenti verso le altre arti, le scienze, i nuovi linguaggi espressivi, le più disparate discipline: nascono così i confronti inediti tra scrittori, ricercatori, attivisti, donne e uomini d'arte e d'ingegno che liberano la loro energia di pensiero nelle piazze di Mantova. Piazze che quest'anno il Festival vuole aprire più che in passato alla partecipazione di lettrici e lettori: proposte di legge di iniziativa popolare, progetti per scuole possibili, censimenti delle altre specie viventi per un nuovo patto ambientale, costruzione di parchi giochi temporanei sono alcune delle iniziative in cui tutti i partecipanti verranno attivamente coinvolti, riprendendo finalmente possesso dello spazio pubblico a lungo impraticabile.

L'edizione 2022 segna anche il ritorno in presenza di alcuni dei più prestigiosi interpreti della letteratura internazionale: quattro vincitori del Booker Prize come il sudafricano Damon Galgut (2021), il nigeriano Ben Okri (1991) e gli irlandesi John Banville (2005) e Anne Enright (2007); William T. Vollmann, figura di assoluto rilievo e di difficile classificazione all'interno della letteratura statunitense. Christoph Ransmayr, scrittore austriaco in costante confronto con i temi dell'esilio, del viaggio, dell'alterità; Pierre Lemaitre, autore di polar e di romanzi di ambientazione storica di grande successo di pubblico; Andrés Neuman, erede della grande tradizione della letteratura argentina; la narratrice, poetessa e naturalista britannica Helen Macdonald; il grande scrittore olandese di origini persiane Kader Abdolah; Gaia Guasti, amatissima e instancabile creatrice di storie lette da ragazzi e adolescenti di tutta Europa sono alcuni tra gli ospiti più attesi del prossimo Festival.