Aquarius ancora ferma al largo di Malta, Msf protesta

Migranti sulla nave Aquarius in una foto d'archivio. REUTERS/Guglielmo Mangiapane

ROMA (Reuters) - Oltre 16 ore dopo l'ok della Spagna all'attracco nel porto di Valencia, la nave umanitaria Aquarius, con il suo carico di 629 migranti raccolti in mare nel fine settimana, è ancora ferma non lontano da Malta.

Nel frattempo, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli ha detto che parte dei migranti sarà trasferita in Spagna su navi italiane. Ma Medici Senza Frontiere, che insieme a SOS Mediterranée gestisce la nave, ha chiesto che venga consentito di evitare ai migranti un lungo viaggio in mare, anche perché è in arrivo una tempesta.

"I migranti saranno portati a Valencia anche con navi italiane, è stata una decisione presa stanotte nel vertice con il premier e le Capitanerie", ha detto Toninelli durante un'intervista a Radio Capital.

"Stamattina abbiamo mandato viveri, monitorato la situazione dei passeggeri per mettere in sicurezza le donne incinte ma hanno rifiutato. Stamane manderemo vedette e navi per portarli verso la Spagna".

Secondo Msf però "questo piano comporterebbe altri 4 giorni di viaggio in mare per persone già esauste", e dunque l'opzione migliore "sarebbe quella di sbarcare le persone nel porto sicuro più vicino, per essere trasferite in Spagna o altri paesi sicuri per ulteriori cure mediche e procedure legali".

Il ministro dell'Interno e leader della Lega Matteo Salvini, dando corso alle promesse fatte in campagna elettorale, ha annunciato domenica scorsa l'intenzione di chiudere i porti italiani alla Aquarius, chiedendo ad altri paesi Ue di permetterne lo sbarco altrove.

Malta a sua volta si è rifiutata di consentire l'attracco, spiegando che le operazioni di salvataggio erano state coordinate dalla Guardia Costiera italiana.

La vicenda avviene qualche settimana prima del vertice europeo in cui all'ordine del giorno c'è la riforma del regolamento di Dublino sull'accoglienza per i residenti asilo.


(Crispian Balmer)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia