Arabia Saudita inaugura ufficialmente il sito di Ad-Diriyah -3-

Red/Nav

Roma, 15 nov. (askanews) - La Goppion ha partecipato al progetto portando la sua esperienza all'interno di un gruppo di lavoro articolato e di respiro internazionale che ha riunito storici, museologi, urbanisti, exhibit designer, esperti di comunicazione, scenotecnici, specialisti delle nuove tecnologie multimediali e altre diverse professionalità, coordinate da ADA - Arriyadh Development Authority.

Articolato e complesso, il lavoro della Goppion è consistito nella realizzazione di vetrine per tutte le gallerie espositive presenti nel Museo. Si tratta di vetrine di varie tipologie e dimensioni, la maggior parte delle quali modulari (classi M) in modo da garantire al cliente flessibilità e componibilità differenti anche in futuro, oltre a numerose vetrine della classe Q, personalizzate sulle diverse esigenze espositive, differenti per tipologia, dimensioni, finiture e sistemi di apertura e dotate, in molti casi, di tecnologie avanzate per agevolare l'interattività con i visitatori. Ricordiamo tra queste la grande vetrina interattiva dedicata alla fisiologia del cavallo arabo, il cui fronte è uno schermo in cristalli liquidi che ne mostra le caratteristiche.

Numerosi sono stati anche gli allestimenti 'speciali', di grande suggestione ed effetto, come i cinque grandi alberi genealogici della famiglia reale realizzati con migliaia di 'foglie' in bronzo e alluminio esposti in quella che fu la residenza reale o il plastico in bronzo della cittadella montato su un tavolo in corian di oltre cinque metri e mezzo per tre. (Segue)