Araldi del Vangelo, le accuse dietro il commissariamento vaticano

Ska

Roma, 30 ott. (askanews) - Alienazione parentale, abusi di potere, pratiche irregolari di esorcismo, devianze ecclesiologiche con mancanza di accettazione del Papa, raccolta di donazioni senza autorizzazione del vescovo diocesano, mancanze nella formazione accademica fornita dalle loro scuole, intimidazioni a chi tenta di abbandonare l'istituzione e culto fanatico del fondatore. Sono le accuse indirizzate agli Araldi del Vangelo, associazione internazionale commissariata a fine settembre dalla Santa Sede, a quanto ricostruito dal settimanale cattolico spagnolo Vida Nueva.

Il Vaticano aveva reso noto, su Vatican News, che una indagine - relativa a "carenze riguardanti lo stile di governo, la vita dei membri del Consiglio, la pastorale vocazionale, la formazione delle nuove vocazioni, l'amministrazione, la gestione delle opere e il reperimento delle risorse" - era giunta a conclusione con il commissariamento dell'associazione e la nomina del cardinale Raymundo Damasceno Assis, arcivescovo emerito di Aparecida, quale commissario.(Segue)