Arbore: "Raffaella Carrà, una rivoluzionaria popolare"

·1 minuto per la lettura
Getty images (Photo: Getty images)
Getty images (Photo: Getty images)

“Siamo tutti sgomenti, addolorati moltissimo per la scomparsa di una grandissima protagonista dello spettacolo italiano. Del buono spettacolo italiano”. Raggiungiamo Renzo Arbore al telefono per avere da un Maestro della tv come lui un commento sulla morte improvvisa di Raffaella Carrà.

“Noi siamo stati bravissimi a fare la televisione in quell’epoca”, ci dice aggiungendo con modestia “non parlo di me”. “Parlo soprattutto della televisione della fine degli anni ’70, degli anni ’80, degli anni ’90. La belle epoque della televisione come viene definita da alcuni critici già adesso. Di questa cornice Raffaella rappresentava la parte più visibile, quando dopo gli anni di piombo si voleva fare una televisione che ci rallegrasse, ma allo stesso tempo ci sprovincializzasse, ci facesse vedere quel che succedeva all’estero. Una televisione istruttiva, educativa anche nell’intrattenimento”.

Raffella Carrà di certo rappresentava la star di questa televisione che ci racconta, una showgirl tout court.

Certamente. C’erano delle velleità artistiche, nell’epoca televisiva che le sto raccontando, che avevano i Falqui, i Sacerdote, i Renzo Trapani, i grandi registi di allora, la voglia di fare un prodotto artistico: un aggettivo che oggi non sento più. Oggi l’intrattenimento è grossolano, basato sull’allegria, sul divertimento e sull’indice d’ascolto.

Raffaella è stata anche una rivoluzionaria: è stata lei a portare le prime minigonne in tv, a mostrare per prima la pancia scoperta.

Una rivoluzionaria popolare. Ha mostrato il primo ombelico però sempre con un certo gusto, con eleganza. Ma è stata rivoluzionaria anche come artista. Ha fatto con grande delicatezza Carramba che sorpresa: per la prima volta i protagonisti dei suoi programmi non erano artisti, ma gente comune. Ha inventato lei qu...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli