Archegos: faro autorità Usa e Regno Unito su discussioni con banche

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Londra, 30 mar. (Adnkronos) – Le autorità di vigilanza sui mercati finanziari negli Stati Uniti e nel Regno Unito hanno acceso un faro sulle discussioni della scorsa settimana che si sono svolte tra Archegos e sei banche internazionali (Goldman Sachs, Morgan Stanley, Welles Fargo, Ubs, Credit Suisse e Nomura) per capire se qualcuno degli attori ha agito in modo inappropriato dopo che l'hedge fund è stato costretto dalle sue banche creditrici a liquidare circa 20 miliardi di dollari. E' quanto rivela il 'Financial Times'.

Giovedì il fondatore di Archegos, Bill Hwang ha incontrato le banche per concertare in modo ordinato le operazioni da eseguire ma venerdì, rileva il quotidiano economico britannico, le banche hanno iniziato a vendere grossi blocchi di azioni provocando perdite per Normura e Credit Suisse. La statunitense Sec e la britannica Fca hanno chiesto delle informazioni alle banche coinvolte.

"Sebbene le banche non abbiano raggiunto una decisione ufficiale su come vende le azioni" riferisce l'Ft che cita persone informate sulle discussioni "sembrava esserci un accordo tra quattro delle sei banche prima dell'apertura dei mercati venerdì che un'operazione disordinata sarebbe stata reciprocamente dannosa" per tutti. Per Ft Goldman Sachs che era "molto esposto" ad Archegos non si sarebbe impegnata a un accordo giovedì sera e venerdì la banca complessivamente ha liquidato posizioni per circa 10,5 miliardi di dollari di titoli legati ad Archegos. Anche Morgan Stanley avrebbe venduto più di 10 miliardi di dollari azioni legate ad Archegos. Invece di una vendita ordinata, molte delle banche rimanenti hanno venduto solo di recente azioni legate alle operazioni di Archegos mentre altre hanno accumulato perdite.