**Archeologia: altari a Fortuna e Iside eccezionale scoperta a S.Casciano dei Bagni**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

San Casciano dei Bagni (Siena), 31 mar. – (Adnkronos) – Le vestigia di un santuario romano di età augustea, altari dedicati agli dei Fortuna Primigenia e Iside e una statua in marmo raffigurante la dea Igea. E' quanto è tornato alla luce a San Casciano dei Bagni (Siena) dallo scavo archeologico, avviato nell'agosto scorso e che aveva già fatto scoprire un altare in travertino dedicato ad Apollo.

I risultati della campagna di scavo sono stati presentati oggi nel corso di una conferenza stampa alla presenza della sindaca Agnese Carletti, del dirigente della Soprintendenza archeologica delle province di Siena, Arezzo, Grosseto, Andrea Muzzi, del funzionario archeologo Jacopo Tabolli e del direttore dello scavo Emanuele Mariotti.

L'impianto monumentale del santuario è riconducibile all'età augustea al di sopra di un luogo sacro in epoca etrusca almeno durante l'Ellenismo. In età augustea il santuario assume la forma di un edificio con copertura a compluvio su un bacino centrale circolare, poggiante su quattro colonne tuscaniche, e con propileo di ingresso a sud delimitato da due colonne a base attica. A seguito di un drammatico incendio avvenuto probabilmente alla metà del I secolo d.C., tra età flavia ed età traianea l’edificio fu ricostruito e ampliato.