Archeologia: riapre al pubblico il Mitreo di Marino, dal 25 settembre le visite (3)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Al momento dell’avvio della fase progettuale, nel 2020, la sala antistante il Mitreo versava in pessime condizioni a causa delle infiltrazioni di acqua e della forte umidità costantemente presente che hanno compromesso irrimediabilmente l’allestimento museale del 2014.

Secondo Emanuela Todini, architetto, coordinatrice progettista e direttore dei lavori di riallestimento, il Mitreo di Marino è un luogo “respingente”, un ambiente ipogeo collocato nella profondità nella roccia di peperino, non concepito per ospitare l’uomo ma per raccogliere l'acqua. Sebbene successivamente riadattato a luogo di culto, è di difficile accesso, ed è proprio questa la ragione per cui è stato scelto dagli adepti della religione misterica.

Dopo il convegno inaugurale al Museo Umberto Mastroianni che si tiene oggi, le visite avranno inizio da sabato 25 settembre. L'accesso sarà gratuito per i cittadini di Marino, mentre avrà un costo di 8 euro per chi viene da fuori. La visita sarà disponibile solo su prenotazione in quanto l'area archeologica è visitabile per un tempo limitato e accessibile a gruppi di 15 persone (guida inclusa).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli