Archeologia: scoperta antica civiltà governata dalle donne in Spagna

·2 minuto per la lettura
Archeologia: scoperta antica civiltà governata dalle donne in Spagna
Archeologia: scoperta antica civiltà governata dalle donne in Spagna

Madrid, 12 mar. – (Adnkronos) – Un'antica civiltà governata dalle donne (con funzioni di guerriere e sovrane) è stata scoperta in Spagna, nella regione della Murcia, databile ad oltre 3.500 anni fa. Un gruppo di ricercatori spagnoli ha documentato in un articolo scientifico pubblicato sulla rivista "Antiquity" dell'Università di Cambridge il ritrovamento di una tomba ricca di gioielli femminili che ha fatto avanzare nuove ipotesi su una struttura sociale matriarcale che nell'Età del Bronzo era insediata nella Spagna sud-orientale.

Il sito di La Almoloya ha recentemente rivelato resti umani e ornamenti di notabili della civiltà di El Argar o Argarica (2200-1500 o 1150 a.C.). Questi gioielli, realizzati in argento e piuttosto rari per l'epoca, suggeriscono che le donne giocassero un ruolo importante in questa società altamente gerarchica. Inoltre, gli archeologi hanno portato alla luce una grande costruzione che potrebbe assomigliare a un palazzo, il che confermerebbe l'importanza politica della defunta che indossava questi gioielli.

La prima significativa scoperta da parte degli archeologi nel sito di La Almoloya riguarda una tomba contenente due scheletri, uno di un uomo di 35-40 anni e il secondo di una donna di 25-30 anni, che indossava una vasta quantità di gioielli. Apparentemente morirono intorno al 1650 a.C., vale a dire al culmine della civiltà Argarica, molto gerarchizzata e basata su una rigida separazione tra lavoro e classi sociali (fu anche una delle prime civiltà europee a padroneggiare il bronzo). I ricercatori hanno anche scoperto, sepolti con la coppia, 29 gioielli, tra cui una tiara, anelli e braccialetti d'argento. In tutto, nella tomba sono stati trovati 230 grammi d'argento, che equivale a 938 giorni di salario per un operaio dell'epoca. La coppia sepolta faceva quindi parte della più alta classe della società Argarica e quindi, potenzialmente, dell'élite dominante.