Architetti: è morto Lando Bortolotti, studioso delle trasformazioni delle città

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Firenze, 2 apr. – (Adnkronos) – L'architetto Lando Bortolotti, teorico e professore universitario che si è distinto per un approccio interdisciplinare sui problemi della storia e delle trasformazioni delle città e dei territori, è morto il 31 marzo a Firenze all'età di 95 anni. L'annuncio della scomparsa è stato dato oggi dalla famiglia.

Nato a Bologna nel 1926, Bortolotti ha diretto l'Ufficio urbanistica del Comune di Livorno (1958-1970) e ha lavorato come esperto di urbanistica presso la Regione Toscana. Dal 1977 al 1991 ha insegnato Storia della città e del territorio all'Istituto universitario di architettura di Venezia e successivamente Pianificazione e Organizzazione territoriale alla Facoltà di Sociologia di Trento.

Tra le sue pubblicazioni figurano: "Livorno dal 1748 al 1958. Profilo storico-urbanistico" (Olschki, 1970); "La Maremma settentrionale. 1738-1970. Storia di un territorio" (Franco Angeli, 1976); "Storia della politica edilizia in Italia: proprietà, imprese edili e lavori pubblici dal primo dopoguerra ad oggi (1919-1970)" (Editori Riuniti, 1978); "Le città nella storia d'Italia: Siena" (Laterza, 1983); "Roma fuori le mura: l'Agro romano da palude a metropoli" (Laterza, 1988); "Fascismo e autostrade. Un caso di sintesi: la Firenze-mare" (con Giuseppe De Luca, Franco Angeli, 1994); "Come nasce un'area metropolitana: Firenze-Prato-Pistoia: 1848-2000" (Alinea, 2000); "Storia, città e territorio" (Franco Angeli, 2002); "Storia di un territorio: Sesto Fiorentino, 1860-1980" (Alinea, 2007).