Architetti: è morto Paulo Mendes da Rocha, Premio Pritzker e Leone d'oro a Venezia (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – La sua integrità ideologica progressista, il suo essere provocatore anticonformista e allo stesso tempo un appassionato realista resero Mendes da Rocha inviso al governo della dittatura militare, che gli tolse la cattedra universitaria per quasi un decennio, tornando ad insegnare nel 1980.

Tra i vari riconoscimenti internazionali, Mendes da Rocha ha ricevuto il titolo di Membro Onorario del Conselho Internacional dos Arquitetos de Língua Portuguesa, il Mies Van der Rohe Foundation Prize per il suo progetto della Pinacoteca di San Paolo, il Praemium Imperiale, premio giapponese considerato il "Nobel delle arti", nel 2016, la medaglia d'oro del Riba (Royal Institute of British Architects) nel 2017. Nel 2000 è stato scelto per rappresentare il Brasile alla 7/a Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia. Nel 2006 è diventato il secondo brasiliano a vincere il Pritzker Prize, dopo Oscar Niemeyer, padre di Brasilia, la capitale futuristica di Brasile, vincitore nel 1988. Ha ricevuto lauree honoris causa dalle università di Montevideo, San Paolo, Santa Fe, Bucarest, Cordoba e Lisbona.

Oltre ai suoi progetti architettonici e urbanistici, ha disegnato anche elementi d'arredo: un esempio è la sedia "Paulistano", pubblicata nella rivista "New Furniture" del 1958. Attualmente, la sedia viene prodotta su larga scala dalla ditta francese Objekto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli