Arcuri replica alla Moratti: medici attendono visite Ats locali

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 8 feb. (askanews) - "In riferimento alla nota diffusa questo pomeriggio dal vicepresidente e assessore al Welfare della Lombardia, Letizia Moratti, che ha sottolineato come la Regione attende dal commissario straordinario per l'Emergenza Covid, per il mese di febbraio, 123 fra medici, infermieri e assistenti sanitari, come da programma condiviso per rafforzare la campagna di vaccinazione, gli uffici del commissario rendono noto che, in realtà, il personale aggiuntivo già selezionato e destinato alla Lombardia è di gran lunga maggiore: si tratta, infatti, di 229 fra medici, infermieri e assistenti sanitari". Lo scrive in una nota la comunicazione del commissario Domenico Arcuri.

"Di questi, purtroppo - ha aggiunto il commissario - soltanto 4 hanno già potuto entrare in servizio presso l'Ats di Pavia. Tutti gli altri sono infatti in attesa, ormai da diversi giorni, delle necessarie visite mediche da parte delle Ats Regionali. In particolare, 12 da parte dell'Ats Val Padana, 10 dell'Ats Pavia, 43 dell'Ats Brescia, 13 dell'Ats Brianza, 27 dell'Ats Bergamo, 28 dell'Ats Insubria e 86 dell'Ats Milano. Infine, 6 hanno effettuato le visite mediche presso l'Ats della Montagna ma sono in attesa di ricevere dalla stessa Ats l'idoneità".

"Oggi alle 15 e 46 - ha concluso Arcuri - gli uffici del commissario hanno inviato una comunicazione ai referenti regionali lombardi per sollecitare gli adempimenti a carico della Regione e poter così soddisfare le richieste dell'Assessore Moratti.